Grandi soddisfazioni per il reparto di Chirurgia generale ed oncologica dell’ospedale Mauriziano di Torino al quale viene riconosciuto il primato mondiale di miglior intervento chirurgico epatico in video.

La lode giunge fino alla città metropolitana piemontese a seguito di un’operazione che ha dell’incredibile e che riguarda l’asportazione di un tumore al fegato avvenuta senza aprire l’addome alla paziente.

La protagonista di questa straordinaria storia che conferma l’eccellenza sanitaria piemontese è una signora di settantasette anni malata di tumore intestinale e colpita da diverse metastasi epatiche.

Le generose dimensioni del tumore (arrivate fino a sette centimetri) hanno fatto si che fosse necessario asportare il 70% del fegato. Nel farlo, i medici hanno adoperato una particolare tecnica laparoscopica che, a differenza della tradizionale caratterizzata da ampi tagli addominali, è famosa per le piccole incisioni attraverso le quali passano strumenti di dimensioni ridotte. Il tutto permetterebbe un maggior recupero durante il periodo post-operazione e soprattutto ridurrebbe il dolore, oltre al minimo impatto estetico.

Il premio è stato conferito al dottor Alessandro Ferrero in occasione del XIII CONGRESSO MONDIALE IHPBA (Associazione Internazionale di Chirurgia Epatobilio-pancreatica), tenuto nei giorni scorsi a Ginevra, alla presenza dei massimi esperti di chirurgia epatica e pancreatica del mondo.

L’ospedale Mauriziano continua ad essere un punto di riferimento nazionale ed internazionale sempre più importante e non solo per la chirurgia laparoscopica epatica attraverso la quale, in ogni caso, attualmente, vengono eseguiti più della metà di interventi al fegato

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here