Tomba di Iry a Saqqara: un funzionario dell’Antico Regno

Sono cinque le sepolture presentate dal Ministero dell'Antichità egiziano caratterizzate da camere funerarie a pozzo

0
339
Il sito archeologico di Saqqara

L’Egitto riserva sempre sorprese in ambito archeologico e i cinque sarcofagi di alti funzionari dell’Antico Regno meritano lo studio. La tomba di Iry e altre sepolture a Saqqara permettono di approfondire lo studio del periodo in cui le province assunsero maggiore potere.


A Saqqara in Egitto la prima traccia documentata di una coppia omosessuale


La tomba di Iry è conservata interamente?

Il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha presentato le sepolture in discreto stato di conservazione. Il ritrovamento di due tombe è documentato da Maspero già nel 1889. Gli archeologi le hanno rinvenute sul lato Nord-orientale della piramide del re Merenra. La tomba di Iry è occupata quasi interamente dal sarcofago in calcare e alle pareti mancano le lastre. L’uomo era un dignitario.

Le tombe dei funzionari

Tra 2.200 e 2.000 anni fa il regno era devastato da una carestia e il potere dei faraoni era messo in crisi da un tentativo di autonomia di alcune realtà locali. Le tombe infatti appartengono a persone che facevano parte della classe dirigente, funzionari e sacerdoti. Henu era un Sovrintendente alle tenute agricole e la sua camera funeraria si trova in un pozzo di 6 metri. All’interno conserva decorazioni con offerte di cibo e ha una volta in mattoni crudi. C’erano anche contenitori, una statua in legno e vasetti con funzioni rituali.

Le camere funerarie di Iaret, Biti e Pepi-Nefer

La moglie di Iry, Iaret, è sepolta in uno spazio con pitture che hanno mantenuto il colore. Il vano è quasi completamente riempito dal sarcofago. Biti è ricordata responsabile dell’abbellimento del re e sacerdotessa di Hathor. Nella sua tomba a Saqqara ci sono scene di offerte e gli archeologi hanno trovato un poggiatesta e una scultura. Infine, Pepi-Nefer, nelle iscrizioni indicato sacerdote e purificatore è sepolto in un pozzo funerario profondo sei metri.