Tokyo: la città reintroduce lo stato di emergenza

La decisione arriva a circa due settimane dall’inizio delle Olimpiadi

0
210
Tokyo:

Il governo giapponese ha istituito un nuovo stato di emergenza che entrerà in vigore da lunedì 12 luglio e rimarrà fino ad almeno il 22 agosto. Si tratta di una decisione che arriva a distanza di sole due settimane dalle Olimpiadi Tokyo 2020. Questo costringerà gli organizzatori dei Giochi Olimpici a ridurre il numero massimo di spettatori a 5mila unità, rispetto alle 10mila previste.

Tokyo: introdotto nuovo stato di emergenza?

Da lunedì 12 luglio Tokyo sarà di nuovo in stato di emergenza per la pandemia di coronavirus. È quanto emerge dall’ultima decisione de governo giapponese, secondo cui l’emergenza dovrà rimanere in vigore almeno fino al 22 agosto. Si tratta di una novità per la capitale giapponese che precede di sole due settimane circa l’inizio delle Olimpiadi Tokyo 2020. Ciò costringerà quindi gli organizzatori dell’evento sportivo a ridurre il numero massimo di spettatori che avranno la possibilità di assistere ai Giochi Olimpici. Alcune testate nipponiche, come il quotidiano in lingua inglese Japan Times, riportano che entro la giornata di oggi il governo dovrebbe essere in grado di comunicare se vietare totalmente l’accesso degli spettatori agli eventi pubblici. Fino ad ora Tokyo è stata un cosiddetto “stato di quasi-emergenza”. Ciò serviva principalmente a impedire assembramenti e a limitare il numero si persone che possono assistere alle gare.

Il tetto massimo degli spettatori consentito sarà di 5mila unità

Con lo stato di emergenza, dunque, il massimo di spettatori consentito sarà pari a 5mila unità, oppure il 50 percento della capacità, tenendo però sempre in considerazione il tetto massimo di 5mila spettatori. Precedentemente era stato annunciato che il tetto massimo consentito era di 10mila spettatori. Per quanto riguarda gli altri ambiti, i ristoranti della città non potranno servire alcol e dovranno chiudere entro le ore 20. Le gare dovranno invece terminare entro le ore 21.

Possibile allentamento delle restrizioni se la campagna vaccinale procede positivamente

Il primo ministro Yoshihide Suga ha dichiarato che nell’area metropolitana della capitale giapponese i casi di contagio da coronavirus sono in aumento dal mese di giugno. Suga ha pertanto sottolineato la necessità di introdurre misure più rigide. Secondo quanto ha riferito il premier, però, la città potrebbe vedere un allentamento delle restrizioni prima della data prevista se la campagna vaccinale mostrerà risultati positivi. Tokyo non rimane comunque l’unica area metropolitana ad aver istituito nuovamente uno stato di emergenza. Anche alcune prefetture vicine, come Kanagawa, Chiba e Saitama lo hanno fatto, mentre Osaka e Okinawa hanno esteso lo stato di emergenza fino ad agosto.


Olimpiadi Tokyo: i manifestanti chiedono l’annullamento