TOGETHER: Interact–Interplay–Interfere il 25 giugno–25 settembre 2022

0
286

Con la mostra TOGETHER Merano Arte pone al centro della propria programmazione il tema della comunità, che ricopre un significato centrale per la società contemporanea. La pandemia di COVID-19 e il recente conflitto bellico in Europa ci pongono di fronte alla fragilità di forme di convivenza pacifiche e serene.

Merano Arte: TOGETHER

Le differenti forme di comunità sono indagate nella mostra collettiva da diverse prospettive, attraverso le opere di Adrian Piper, Anna Maria Maiolino, Ari Benjamin Meyers, Bart Heynen, Brave New Alps and MAGARI, Christian Niccoli, Daniel Spoerri, Francis Alÿs, Franz Erhard Walther, Hannes Egger, Isabell Kamp, Jivan Frenster, Karin Schmuck, Marina Abramović and Ulay, melanie bonajo, Norma Jeane, Officinadïdue, Rirkrit Tiravanija, SPIT!, Tania Bruguera e Yoko Ono.

Da una parte, la rassegna comprenderà una serie di lavori

Tra cui When Faith Moves Mountains (2002) di Francis Alÿs, che raccontano come in gruppo si possa crescere al di là di se stess* e raggiungere obiettivi significativi; dall’altra parte, opere come We The Enemy (2017) del collettivo SPIT! mettono in discussione la tendenza dei gruppi a reprimere individualità e diversità. Nella mostra, il pubblico è ripetutamente invitato a lasciare la propria “comfort zone” ed assumere insieme dei ruoli attivi. Questi aspetti interattivi e talvolta partecipativi sono articolati in tre sezioni:

TOGETHER: Interact riunisce azioni collettive e progetti partecipati

Realizzati insieme in loco, come la creazione di un orto collettivo sulla terrazza della Kunsthaus o il reeanctment della “eat art performance” di Daniel Spoerri Zehn Suppenrezepte, realizzato negli anni ’80 a Brunnenburg, nei pressi di Merano. Interplay riguarda opere in cui i visitatori e le visitatrici possono interagire tra loro in modo ludico, ad esempio giocando insieme a ping pong (Rirkrit Tiravanija, Tomorrow is the Question, 2015) o utilizzando uno degli “oggetti attivanti di Franz Erhard Walther tratti dalla serie, Erster Werksatz (1963–1969).

Interfere rimanda all’arte che fa appello all’impegno politico e sociale

All’empatia e al senso di responsabilità dei visitatori e delle visitatrici. Il collettivo Officinadïdue, per esempio, mette a disposizione del pubblico dei semi di pioppo – una pianta capace di assorbire grandissime quantità di CO2 – dimostrando come tutt* possano combattere contro il riscaldamento globale. Il percorso espositivo si chiude con un’opera d’arte collettiva particolarmente poetica: il WISH TREE (1996 – in progress) di Yoko Ono invita tutt* noi a formulare un desiderio per il futuro e scriverlo su un biglietto. Questi biglietti confluiranno, assieme a milioni di altri raccolti in tutti il mondo, nell’installazione a Reykjavík dedicata alla memoria di John Lennon. Il titolo, purtroppo sempre attuale, è Imagine Peace Tower.

TOGETHER: Interact – Interplay – Interfere a cura di Judith Waldmann

  • Artist*: Adrian Piper, Anna Maria Maiolino, Ari Benjamin Meyers, Bart Heynen, Brave New Alps and Magari, Christian Niccoli, Daniel Spoerri, Francis Alÿs, Franz Erhard Walther, Hannes Egger, Isabell Kamp, Jivan Frenster, Karin Schmuck, Marina Abramović and Ulay, melanie bonajo, Norma Jeane, Officinadïdue, Rirkrit Tiravanija, SPIT!, Tania Bruguera, Yoko Ono
  • Assistente alla curatela: Anna Zinelli
  • Durata della mostra: 25.06 – 25.09.2022
  • Inaugurazione: 24.06.2022, ore 19
  • Conferenza stampa: 23.06.2022, ore 11
  • Sede: Kunst Meran Merano Arte | Via Portici 163, 39012 Merano
  • Orari di apertura: martedì-sabato: ore 10-18 / domenica e festivi: ore 11-18
  • Informazioni: [email protected] | www.kunstmeranoarte.org
melanie bonajo, Big Spoon, 2022. Still del video ‘When the body says Yes’ presentato alla 59° Biennale di Venezia, 2022
Courtesy the artist and Akinci, Amsterdam
Anna Maria Maiolino, Por um fio (fotopoemacao series), 1976. Fotografia 52 x 79 cm. Courtesy the artist and Videoinsight Collection, Torino
Hannes Egger, Different Forms of Togetherness, 2022. Colore nero su parete. Dimensioni variabili. Courtesy the artist
Ulay / Marina Abramović, Relation in Time, 1977. Video (bianco e nero, audio), 74’54”. Performance: 16 ore senza pubblico. Ultima ora in presenza del pubblico. Serie di fotografie realizzate ogni ora. Studio G7, Bologna, Italia © Ulay/ Marina Abramović. Courtesy of the Marina Abramović Archives and LIMA

OfficinaDiDue, Seed bombing, 2020-21. Ovuli in vetro soffiato, semi di pioppo, terra, contenitori di plexiglass, carta, esseri umani. Dimensioni variabili. Courtey the artists