TikTok, la Cina giudica le manovre di Trump “non motivate”

0
198

La guerra informatica tra Cina e Stati Uniti per la questione TikTok continua. Il popolare social è entrato in un ciclone ormai dichiaramente politico in cui le due principali economie mondiali si sfidano al possesso del suo potenziale. La visione statunitense è stata molto chiara. Donald Trump desiderebbe allontanare l’applicazione dal paese per questioni legate alla sicurezza interna. La Cina invece ha giudicato inaccettabile e non motivata la chiusura dell’applicazione da parte del governo Usa.

Per tutti questi motivi Bytedance, l’azienda che controlla TikTok, ha chiesto ai giudici federali di bloccare la vendita delle attività nei più grandi store, quello di Google e Apple per intenderci. Ricordiamo che Trump ha firmato un ordine esecutivo il 14 agosto concedendo a ByteDance 90 giorni per cedere la proprietà dell’app alle aziende di proprietà degli Stati Uniti.

Sabato, il Dipartimento del Commercio ha annunciato un ritardo di una settimana nell’ordine di arresto di TikTok; citando alcuni “sviluppi positivi” nei colloqui che rigurdano il destino dell’app negli Stati Uniti.

TikTok? Una questione politica

TikTok, scontro Cina-Usa dopo ordine di Trump
TikTok è una delle più popolari applicazioni made in China

Bytedance ha dichiarato che le restrizioni “non erano motivate da una reale preoccupazione per la sicurezza nazionale, ma piuttosto da considerazioni politiche relative alle prossime elezioni presidenziali”.

Come riporta Al-Jazeera, i cinesi hanno anche affermato che se l’ordine non venisse bloccato “centinaia di milioni di americani saranno esclusi da questa vasta e diversificata comunità online sei settimane prima delle elezioni nazionali”.

Reels, la piattaforma di Instagram tenta il grande salto

Mentre la Bytedance è entrata in combutta col governo americano, un’altra applicazione di video istantanei, Reels, tenta di sfruttare questo clima di tensione. L’app, creata da Instagram, ha recentemente rinnovato il proprio modus operandi per l’editing. D’ora in poi saranno circa 30 i secondi per caricare un video.

Piccoli miglioramenti che fanno la differenza. “Continuiamo a migliorare Reels ogni giorno, anche prendendo spunto dal feedback della community, e questi miglioramenti renderanno più semplice la creazione di reel. Siamo ancora agli inizi, ma stiamo già notando molti contenuti divertenti e creativi” ha dichiarato Tessa Lyons-Laing, Product Director di Instagram Reels.

Leggi anche:

Gli Stati Uniti mettono al bando TikTok e WeChat

Commenti