Tiepolo a Palazzo Valmarana: gli affreschi sono pubblici

Dario Franceschini ha deciso esercitare il diritto di prelazione sui dipinti per evitare che diventino proprietà privata

0
301
Tiepolo a Palazzo Valmarana
La villa dove si trovavano gli affreschi straccati di Tiepolo

Gli affreschi di Tiepolo a Palazzo Valmarana non diventano proprietà della famiglia Benetton. Il Ministero della cultura infatti ha acquisito le opere per renderle patrimonio dello Stato.


Benetton ha scelto Ghali come ambassador


Perché i Benetton vogliono comprare i dipinti di Tiepolo a Palazzo Valmarana?

Alessandro Benetton è un estimatore d’arte e ha notato il valore dell’opera dell’artista proveniente dalla dimora di Vicenza. Ha così contattato la famiglia di Camillo e Giovanni Franco a cui appartengono le opere per acquistarle. Con la controparte ha preso accordi per concludere la compravendita a un prezzo stabilito di 1,85 milioni €. I nipoti di Fausto che ha recuperato gli affreschi, staccatisi nel 1945, hanno acconsentito allo scambio. Tuttavia non hanno fatto i conti con l’amministrazione comunale e la Soprintendenza ai beni culturali. Gli Enti infatti ritengono che i dipinti debbano rimanere a disposizione del pubblico.

Gli affreschi di Giambattista Tiepolo

Il ciclo di affreschi a Villa Valmarana è una commissione a cui l’artista lavora per alcuni anni. Insieme al figlio Giandomenico, raffigura la società veneziana, il carnevale, la vita nel contado. Nella foresteria i visitatori possono quindi comparare la tecnica e lo stile di due generazioni di talenti veneti. Giambattista decora i locali con scene mitologiche ed epiche, oppure tratte dalle opere di letteratura. Gli affreschi staccati dalle pareti raffigurano Ercole e Cerbero incatenato e altri momenti della leggenda dell’eroe, Giove e i satiri. Ora i dipinti sono disposti su una tela e conservati a palazzo Barbaran Da Porto di Vicenza, sede della Soprintendenza.

Il Ministero della cultura e la fruibilità degli affreschi

Dario Franceschini si è interessato della questione della vendita dei dipinti consultandosi con gli esperti. Dopo la valutazione tecnica, il Ministro della cultura ha deciso di esercitare il diritto di prelazione sulle sette opere di Tiepolo. Gli affreschi entreranno così a far parte del patrimonio artistico nazionale.