mercoledì, Luglio 24, 2024

The Undeniable Street View permette di percorrere le strade dell’Ucraina devastate dalla guerra

Un fotografo ucraino ha contribuito alla realizzazione di The Undeniable Street View un sito web che consente di percorrere in modo immersivo le strade del suo Paese devastate dalla guerra e di confrontarle prima e dopo l’invasione russa, nella speranza di evidenziare la “terribile” realtà della distruzione causata.

The Undeniable Street View

L’Undeniable Street View è stato lanciato in occasione del primo anniversario dell’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia, il 24 febbraio, ed è la prima zona di guerra presentata in Street View e realizzata con oltre 100 km di filmati grezzi di Street View. È stata girata da esperti ucraini di fotografia sul campo, tra cui Mykola Omelchenko, il cui progetto War Up Close ha svolto un ruolo fondamentale nell’esistenza di The Undeniable Street View. War Up Close mostra alla gente l’entità delle continue distruzioni in Ucraina attraverso immagini a 360 gradi, tour virtuali e mostre globali ed è stato realizzato con Discover.ua e FreegenGroup. Omelchenko – specializzato in fotografia a 360 gradi e diventato il primo fotografo ucraino certificato da Google nel 2016 – ha dichiarato che l’idea di War Up Close è nata come mezzo per mostrare la vera distruzione causata dall’invasione russa dell’Ucraina.

Le motivazioni

“Quando è iniziata la guerra, le immagini che abbiamo iniziato a vedere nei telegiornali e sui canali Telegram erano depressive e spaventose”, ha detto il 47enne, che vive a Kiev, all’agenzia di stampa PA. “Ma poi la Russia ha iniziato a dire che (gli ucraini) stavano bombardando le loro stesse città, il che è una completa menzogna”. “E per combattere questa propaganda, abbiamo deciso di combattere dietro le telecamere”. Le immagini che Omelchenko e altri fotografi ucraini hanno scattato delle città ucraine utilizzando telecamere Titan 11k a 360 gradi e droni sono state utilizzate per The Undeniable Street View. Gli spettatori possono camminare immersivamente per le strade di sei città ucraine, tra cui Kiev, Irpin, Kharkiv, Izyum, Chernihiv e Sumy, con una funzione che consente di confrontare le città prima e dopo l’invasione.

Omelchenko ha dichiarato che Irpin e Borodyanka sono “probabilmente le aree più distrutte” tra quelle in cui ha girato

“Conosco quei villaggi – li ho attraversati spesso per lavoro e per piacere – e vedere la distruzione è stato terribile. Sono rimasto sconvolto”, ha detto. “Pensavo che dopo aver girato nella regione di Kiev fossi pronto per molte cose, ma quando sono andato a Kharkiv – c’è una regione chiamata Saltivka, che si trova sul confine orientale – è stato ancora più terribile perché non era rimasto altro che scuole e appartamenti”. Il team è così concentrato nel mostrare le “prove” dei danni causati nel loro Paese, anche se stanno rischiando la loro vita nel farlo. “Si tratta delle nostre attrezzature, delle nostre carte, delle nostre vite”, ha detto Omelchenko. “Nessuno ci ripagherà se un missile colpisce la macchina, distrugge il drone o le 360 telecamere”. Ha anche parlato del dolore che ha provato fotografando il Paese durante la guerra in corso. “Prima della guerra facevo parte di molti progetti: ho fotografato gli antichi castelli dell’Ucraina, i parchi nazionali, quindi so quanto sia bella l’Ucraina. “E per me vedere la distruzione è stato molto doloroso. Credo che questa esperienza mi accompagnerà per il resto della mia vita”.

Omelchenko ha aggiunto che “dietro ogni appartamento o casa distrutta, c’è anche una storia”

“Stavamo facendo volare dei droni in una zona per vedere quali fossero i danni e una bambina di circa cinque anni è venuta da noi e ci ha detto: “Ci bombarderete oggi?””, ha raccontato. “(Un’altra volta), una persona è uscita dalla sua casa completamente distrutta e ci ha chiesto cosa stessimo facendo e quando ha scoperto questa informazione, ci ha portato delle prugne. “Come si possono prendere quelle prugne quando si scopre che quella persona non ha nulla? Cosa possiamo restituirgli? Ci disse: “Voglio solo che mostriate al mondo cosa ci hanno fatto i russi”. “Storie come questa mi segnano il cuore”.

La guerra ha avuto un profondo impatto anche sul suo senso di sicurezza, anche quando viaggia in altri Paesi per lavoro

“Ogni volta che sento un rumore, mi abbasso ancora”, ha detto. “Mi guardo ancora intorno per vedere cosa sia perché la mia mente è ancora in Ucraina e capisce che c’è una guerra e che un missile può esplodere ovunque”. Ha aggiunto che la vita di tutti i giorni è un mix di corse ai rifugi, controlli regolari della famiglia quando l’elettricità lo permette e dormire con strati di vestiti addosso. “Mio figlio (di 14 anni) in questo momento è in grado di distinguere tra i diversi missili, non è questa l’informazione che voglio che conosca”. Omelchenko ha aggiunto che la condivisione di War Up Close con altri attraverso mostre in paesi come Polonia, Germania, Francia e America ha portato molti a piangere o ad avere le lacrime agli occhi. “Non si sono resi conto di quanto sia dannosa la guerra e di quanto sia vicina. Quando hanno visto e camminato per le strade attraverso un telefono o un Oculus, hanno cambiato la loro realtà e la loro vita. Dobbiamo tenere il mondo impegnato, perché se l’Ucraina perde, chi sarà il prossimo?”. Omelchenko ha in programma di filmare in altre città quando saranno più sicure e sarà concesso il permesso di filmare.

The Undeniable Street View è stato realizzato in collaborazione e a sostegno di un collettivo di organizzazioni ucraine, tra cui United24, Voices of Children, Nova Ukraine e Vostok-SOS, e può essere consultato all’indirizzo: www.theundeniablestreetview.com.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles