The Phair a Torino: la fiera dell’immagine

Appuntamento internazionale per gallerie e professionisti della fotografia

0
257

Appuntamento con la fotografia, la creatività e la capacità di cogliere i cambiamenti della società a The Phair a Torino. L’evento espositivo è in programma dal 27 al 29 maggio al Padiglione 3 al centro fieristico del Valentino.


The Phair: la fotografia e la forza delle immagini


Quanti sono gli espositori che partecipano a The Phair a Torino?

L’organizzazione ha già contattato 50 espositori, tra gallerie e professionisti dell’immagine. L’evento è un’opportunità per presentare i propri progetti a un pubblico interessato alle novità del linguaggio della fotografia.

Il ruolo dell’immagine della società

Cartelloni e depliant di eventi, oltre a presentazioni di progetti sono sempre correlati da immagini. Le fotografie alleggeriscono il testo e, se scelte con criterio, contribuiscono a dare maggiore significato allo scritto. Infatti, fotografi e designer realizzano lavori in cui trasmettono un concetto con un’istantanea. Quindi gli scatti sono una parte importante di un progetto di comunicazione. Chi li realizza veicola messaggi che possono raggiungere milioni di persone.

Ettore Sottsass e Torino esposizioni

La fiera della fotografia si svolge al centro espositivo del parco del Valentino, uno spazio a cui ha lavorato Ettore Sottsass. L’architetto ha collaborato con Pier Luigi Nervi al progetto, scegliendo strutture in cemento armato prefabbricate e ferro coperto da calcestruzzo. Il professionista ha infatti optato per soluzioni che valorizzassero l’espressività e tenessero in considerazioni le esigenze statiche.

The Phair a Torino

The Phair coinvolge Enti e Istituzioni in un programma di collaborazione con le realtà attive sul territorio. In concomitanza con l’evento a Torino musei e centri espositivi presenteranno delle iniziative incentrate sull’immagine. Una manifestazione quindi che da tre anni arricchisce il periodo primaverile cittadino. Si tratta di un appuntamento annuale che celebra il linguaggio della fotografia e le sue molteplici forme. Inoltre, incoraggia il dialogo tra differenti visioni e prospettive di professionisti del settore.