The Milk of Dreams: record di presenze alla Biennale

Un evento in crescita dal 2019 con la partecipazione di giovani e studenti in età scolare

0
194

La 59a Biennale di Venezia si è chiusa il 27 novembre, con cifre record di presenze. Oltre 800.000 persone hanno acquistato i biglietti per la mostra, intitolata The Milk of Dreams, e 22.498 hanno partecipato all’anteprima. Si tratta di un aumento del 35% rispetto all’ultima edizione del 2019 e del più alto numero di visitatori nei 127 anni di storia della mostra. Va tuttavia notato che la mostra del 2022 è durata più a lungo del solito, estendendosi su 197 giorni invece dei 173 del 2019. Il 41% dei visitatori di quest’anno proveniva dall’Italia mentre il 59% proveniva da altri paesi.


Rassegna artistica veneziana: tema è Il latte dei sogni


Quali sono i numeri di The Milk of Dreams?

The Milk of Dreams, a cura di Cecilia Alemani, ha presentato il lavoro di 213 artisti provenienti da 58 paesi, di cui il 90% donne. Per fare un confronto, May You Live In Interesting Times del 2019 includeva solo 83 artisti, metà dei quali erano donne. Inoltre, dei 213 artisti di quest’anno, 180 di loro hanno partecipato per la prima volta alla prestigiosa mostra internazionale. La Biennale è posticipata dal 2021 al 2022 a causa del COVID-19, lasciando a Alemani due anni di visite in studio su Zoom per organizzare l’esposizione.

L’organizzazione dell’evento

“È un viaggio molto lungo che ci ha portato attraverso una pandemia, una guerra crudele e un senso collettivo di incertezza”, ha detto Alemani in una nota. “Organizzare la mostra in tali circostanze è una grande avventura, ma non priva di ostacoli e complicazioni”. Gli organizzatori hanno anche riferito che il 30% dei partecipanti erano giovani spettatori e studenti, per un totale di oltre 200.000 possessori di biglietti. Oltre 79.000 visitatori hanno partecipato a attività didattiche e visite guidate quest’anno, più del doppio rispetto al 2019. Ciò include centinaia di bambini in età prescolare che hanno avuto il privilegio di assistere a alcune delle migliori opere d’arte contemporanea del mondo.