Negli States uscirà il prossimo settembre, e la curiosità già è palpabile. Stiamo parlando di un nuovo romanzo di Stephen King. Il sito ufficiale dello scrittore ha già reso pubblica copertina e sinossi del libro. E c’è da farsi venire l’acquolina in bocca.

La storia vede come protagonista un ragazzino, tale Luke Ellis. Durante una notte, certi loschi individui fanno irruzione in una casa sita nella periferia di Minneapolis, uccidono i genitori di Luke e rapiscono il piccolo. Luke si sveglierà in una stanza che sembra uguale alla propria, tranne che per una differenza: in quel cubo ben arredato non v’è finestra.

Fuori dalla stanza, Luke trova altre porte. E dietro le porte, altri ragazzini come lui. Speciali. Sì, perché Luke ha un talento molto speciale, una capacità che trascende i normali processi mentali di un adolescente. Anche Kalisha, Nick, George, Iris e Avery Dixon, dieci anni, hanno le stesse capacità, e come Luke, anche loro si sono svegliati in quel posto che somiglia ad un sinistro motel.

L’Istituto, nel quale i ragazzini sono tenuti prigionieri, è diretto dalla signora Sigsby. Lei e il suo staff hanno un unico obiettivo: estrarre dai piccoli telepati quella segreta energia che li rende così speciali. E non mancano di usare qualsiasi mezzo. La situazione diviene presto chiara agli occhi di Luke. All’Istituto le cose funzionano in un sol modo: se collabori, ottieni un pugno di gettoni utili a prendere roba dai distributori automatici. Se opponi resistenza, la punizione non tarda ad arrivare. E arriverà come un treno sparato a tutta velocità.

A Luke non resta che una cosa da fare: deve fuggire da quell’inferno. Ma come? Nessuno è mai scappato dall’Istituto, e lui è pur sempre un ragazzino, seppur dotato di poteri preclusi alla maggior parte dei suoi coetanei.

King ritorna a scrivere dell’infanzia, delle paure e dei sogni dei più piccini. Sembra che l’autore abbia un certo feeling con il bambino che è sepolto in ognuno di noi. Non a caso, le sue opere più riuscite hanno come protagonisti proprio dei ragazzini (vedi il celebre Club dei Perdenti in IT). E poi la lotta fra bene e male, che sembra non avere mai fine. Di elementi ne abbiamo a sufficienza. L’attesa può iniziare.

E sarà spasmodica.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here