È ingannevole riferirsi ai The Drums come ad una “band”. Il gruppo con sede a Brooklyn ha iniziato la sua avventura musicale in quattro e hanno pubblicato il loro omonimo album di debutto nel 2010. Ma al momento della pubblicazione del loro quarto album, Abysmal Thoughts, nel 2017, si erano ridotti a tre con l’uscita del vocalist Jonny Forare. Ora i The Drums sono tornati con il loro quinto album dal titolo “Brutalism” e Pierce continua il suo letterale viaggio da solista.

Può essere da solo, ma Pierce ha un sacco di materiale con cui creare la sua arte. Scritto e registrato a New York “Brutalism” è nato da un doloroso divorzio e da una difficile situazione di vita da single a Los Angeles. L’album è, in un certo senso, una forma di terapia. Concentrandosi sulla sua salute mentale, Pierce finisce con un album profondamente sentito e liricamente denso.

Il ricco synthpop di Brutalism crea uno splendore accattivante e immediatamente amabile in alcune delle migliori canzoni di Pierce fino ad oggi, incluso l’inno di auto-cura “Body Chemistry” . Nel corso di un ballo indie dance e di un basso slap funky, Pierce canta delle cose semplici che semplificano le giornate: “Ho bisogno di un po ‘di fortuna – E una bella scopata – Un bel bicchiere di vino – E un po’ di tempo di qualità.” Sul singolo “626 Bedford Avenue” , Pierce ricorda un romanzo condannato e lo affronta a testa alta. “626 Bedford Avenue – Penso di essermi pentito quella notte di baciarti – Mi sono innamorato e mi tratti come una merda – Ma continuo a tornare.” Non siamo stati tutti lì?

Il brutalismo del titolo, infatti, può riferirsi al romanticismo. Nella title track robotica e propulsiva, Pierce canta “Baby ormai devi sapere – Che questo amore è brutale – Al di là del fisico, soprannaturale – E completamente irrazionale.” Come sempre, la musica offre un contrappunto ventilato e retrò al dolore che Pierce sente dentro. È l’equivalente di ballare le tue preoccupazioni con lacrime di crepacuore che inondano gli occhi. Sulla vivace “Loner” guidata dalla chitarra, Pierce affronta la sua paura della solitudine con un misto di ottimismo e perseveranza. “Ho troppa paura, quindi continuo a muovermi attraverso il mondo“, canta nel ritorello contagioso della canzone.

Come probabilmente hai indovinato dalla preponderanza delle parole, questo è un album particolare, mentre la musica è piena zeppa di ami assassini e battute ballabili, “Brutalism” è carico di sfoghi e di bilanci. Su una delle ballate solitarie dell’album, “Nervous“, Pierce fa breccia nel ricco vernacolo di uno scrittore di racconti: “Due notti fa ci siamo salutati”, canticchia su un delicato sottofondo di chitarra acustica, “In un’auto presa in prestito a Hollywood – Ti ho stretto ma avrei dovuto tenerti più stretto e più a lungo. ” La maestria con cura degli arrangiamenti, accoppiata a testi così immediatamente riconoscibili, fornisce un risultato finale unico.

Brutalism è un album stupendo che offre sia vette gioiose e bassi strazianti, e il filo conduttore che attraversa l’album è un apprezzamento dei bei tempi e l’accettazione dei tempi cattivi. È un album realistico e dovrebbe essere celebrato per la sua unicità e la sua capacità di spostare l’ascoltatore verso la dancefloor. Voto 3/5

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here