“The ascent of information”: energia e digitale

Il libro di Caleb Scharf è una riflessione sui sistemi moderni di elaborazione e trasmissione dei dati e i costi energetici

0
349
Blockchain

Criptovalute e NFT che utilizzano la tecnologia blockchain per attribuire proprietà a un’opera d’arte digitale consumano energia. L’intero sistema dei dati richiede elettricità per funzionare. In futuro potrebbe non essere conveniente continuare a utilizzare forme di sfruttamento delle risorse anche elettroniche. “The ascent of information” è il libro in cui Caleb Scharf tratta l’argomento.


La tecnologia della Blockchain: una guida alla sua comprensione


Perché leggere “The ascent of information”?

Per riflettere sulla capacità umana di produrre beni che siano realmente utili alla società. Il Direttore di astrobiologia alla Columbia University parla di elaborazione delle informazioni e delle possibilità del “dataome”. Le considerazioni di Scharf riguardano l’analisi costi e benefici di attività che sembrano portare grandi vantaggi all’economia e alla società. Invece, alla lunga il dispendio di energia è maggiore dei guadagni previsti.

NFT e consumo di energia

La crescita del mercato degli NFT è sostenuta da un robusto sistema per la contabilità a prova di manomissione: la blockchain. La tecnologia è onerosa e distribuita computazionalmente, quindi consuma in più fasi. Le stime mettono l’energia utilizzata per creare e scambiare una criptovaluta come Bitcoin alla pari col consumo totale della Svezia. La società Ethereum intende ridurre il consumo di energia di oltre il 99% cambiando la sua metodologia di base. Scharf ritiene che le conseguenze ambientali dell’uso di metodi di scambio controllati possano superare lo sforzo per la transizione a energia a zero emissioni di carbonio.

“The ascent of information”

Lo scrittore propone quindi una soluzione conservatrice, cioè di smettere di inventare sistemi a alto consumo energetico. Prima di predisporre certificati digitali da acquistare con tecnologie crittografate e sicure, dobbiamo pensare a modi alternativi di creare energia. Poi saremo pronti a utilizzare le possibilità di NFT e criptovalute. Una traccia dati facilmente copiabili può essere mantenuta con hardware e calcoli che consumano.