Texas: rilasciati tutti gli ostaggi sequestrati in sinagoga

0
315
Texas: rilasciati tutti gli ostaggi sequestrati in sinagoga

Paura in una sinagoga in Texas, dove un uomo ha preso in ostaggio diverse persone. Il sequestratore chiedeva la liberazione di un’ex scienziata pakistana, Aaifa Siddiqui, sopranominata “Lady al-Qaeda”. Dopo 10 ore, gli ostaggi della sinagoga di Colleyville, in Texas, sono stati tutti rilasciati.

Ostaggi in una sinagoga in Texas: cos’è successo?

A Colleyville, in Texas, diverse persone sono state tenute in ostaggio nella sinagoga della congregazione Beth Israel. Il sequestratore chiedeva la scarcerazione di un’ex scienziata pakistana, Aaifa Siddiqui, sopranominata “Lady al-Qaeda”, condannata nel 2010 da una corte federale di New York a 86 anni di prigione per aver tentato di sparare ai militari statunitensi mentre era in custodia in Afghanistan. Quando fu arrestata aveva con sé documenti su come produrre armi chimiche e su come trasformare l’Ebola in arma. Quando l’uomo ha fatto irruzione nella sinagoga era in corso una funzione religiosa trasmessa in live streaming su Facebook. Il sequestratore si era identificato come il fratello di Aaifa Siddiqui. Tuttavia, la famiglia Siddiqui ha smentito e ha condannato con forza il folle gesto.

Rilasciati tutti gli ostaggi nella sinagoga in Texas

Il governatore del Texas Gregg Abbott ha annunciato che tutti gli ostaggi sono stati rilasciati a seguito di un blitz delle forze dell’ordine. “Tutti gli ostaggi sono liberi e stanno bene”, ha twittato il governatore. Secondo i media, nel blitz l’uomo è stato ucciso. Prima del blitz, le forze speciali SWAT e l’FBI hanno trattato per ore con il sequestratore. Il presidente Joe Biden ha ringraziato ed elogiato le forze dell’ordine. “Gli USA si opporranno all’antisemitismo e all’estremismo”, ha aggiunto Biden. L’Anti-Defamation League, un’organizzazione con sede negli USA che combatte l’antisemitismo, ha chiesto ulteriore vigilanza per proteggere le sinagoghe e le istituzioni ebraiche.


Leggi anche: Restrizioni in Texas: dall’aborto al diritto di voto

Gli 850 libri che il Texas vuole censurare