Teropode gigante Spinosauro sull’isola di Wight

Sulle coste inglesi degli appassionati di fossili hanno recuperato i resti di due specie di rettile preistorico

0
492
teropode gigante Spinosauro
Ritrovati fossili di due specie diverse di Spinosauro sull'isola di Wight (immagine di SilviaP_Design da Pixabay)

Ossa di dinosauro recuperate dalle spiagge dell’Isola di Wight. I reperti appartenevano a una specie di animale preistorico parente del teropode gigante Spinosauro. Alcuni cercatori di fossili hanno trovato i resti sul litorale di Brighton, come spiega la rivista “Scientific Reports”.


Caccia ai fossili: il prossimo grande hobby


Come sono le ossa del teropode gigante Spinosauro?

I paleontologi del Dinosaur Isle Museum si sono occupati di studiare i resti, individuando due specie differenti di spinosauride. Gli studiosi hanno quindi assegnato dei nomi alle tipologie di fossile. Sono: Ceratosuchops inferodios, “airone infernale cornuto dalla faccia di coccodrillo” e Riparovenator milnerae, “cacciatore di rive del fiume di Milner”. Gli esemplari ritrovati hanno mascelle lunghe, piatte, simili ai rettili diapsidi e denti affilati. Il corpo assomiglia invece un tirannosauro. Entrambi gli animali misuravano quasi 30 piedi dalla testa alla coda con mandibole lunghe tre piedi.

Diverse specie del teropode gigante Spinosauro

I dinosauri vivevano nel Cretaceo inferiore e cacciavano nei pressi di paludi e laghi come degli aironi. La loro dieta era a base di pesci e piccoli rettili. La presenza di due carnivori simili in un’ecosistema potrebbe sembrare strana. Infatti, David Hone, paleontologo della Queen Mary University di Londra che si è occupato dello studio ritiene invece fosse molto comune tra i rettili antichi. Il Tirannosaurus Rex ha avuto grandi scatti di crescita, ma altri teropodi sono maturati più costantemente.

Fossili sull’isola di Wight

La scoperta dei resti di animali preistorici sull’isola britannica fa pensare allo spostamento degli esemplari. Quindi gli Spinosauri potrebbero aver avuto origine in Europa e poi essersi disperdersi in Asia, Africa e Sud America. Le scogliere delle spiagge di Brighton hanno restituito numerosi fossili nel corso degli anni. In passato la terra che forma l’Isola di Wight presentava un’ampia pianura alluvionale, fitte foreste costiere e un clima umido. Condizioni adatte all’habitat di dinosauri, pesci, squali e coccodrilli.

La partecipazione dei collezionisti di fossili

Alcuni appassionati di resti preistorici hanno consegnato al museo che conserva i reperti alcuni fossili dell’isola di Wight. Pertanto il lavoro di ricerca è il risultato anche dell’interessamento di collezionisti che consideravano i resti interessanti dal punto di vista scientifico. La collaborazione ha rivelare la presenza dei dinosauri e l’habitat diversificato della costa meridionale dell’Inghilterra preistorica.