Rafael Nadal ha raggiunto le semifinali degli Australian Open per la quarta volta. Per quanto felice della vittoria contro un avversario che finalmente inizia mostrare il suo potenziale, lo spagnolo è però probabilmente preoccupato. Oltre a un finalmente determinatissimo – ma sprecone – Grigor Dimitrov, a causargli problemi è infatti sempre più la vescica nella mano sinistra. Rafa è riuscito a salvarsi con il punteggio di 26 76(3) 76(7) 62, in quasi quattro ore di partita.
Come nei tre precedenti contro Nadal, il giovane tennista bulgaro ha vinto un set ma non è riuscito ad andare oltre. E questa volta ha probabilmente ancor più da rimproverarsi: il servizio di Rafa è condizionato pesantemente dalla ferita, e tutto il suo gioco sembra risentirne. Vincendo uno dei tre set point avuti nel terzo parziale avrebbe davvero potuto provocare il secondo terremoto del torneo.
Ma Nadal è sempre Nadal, vesciche o no: esperienza e agonismo gli sono bastati per prevalere contro un avversario che, perlomeno, sembra essere diventato una seria minaccia anche per i più forti.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here