Temporali con grandine grossa nelle prossime ore: Ecco dove

0
691
grandine grossa

Nelle prossime ore alcune regioni saranno ancora una volta a rischio di temporali e grandine e GROSSA. REGIONI colpite

Il copione si ripete e l’atmosfera, puntuale come un orologio svizzero, nelle prossime ore ci proporrà l’ennesima passata temporalesca con grandine grossa. Nonostante le prospettive siano anticicloniche per i prossimi giorni, l’Italia al momento NON riesce ancora a trovare una totale quiete sul fronte meteorologico a causa di deboli infiltrazioni d’aria più fresca sempre pronte ad approfittare di un’alta pressione ancora un pò difficoltà. Da giorni, infatti, il suo tentativo di conquistare il nostro Paese, riesce solo parzialmente e il meteo, gioco forza, si mantiene ancora incerto su alcune regioni.

Ma dove si rischieranno temporali e grandinate?
Già nel corso della mattinata alcuni rovesci temporaleschi si sono verificati, anche in maniera improvvisa e talvolta non prevista, si sono verificati tra la Lombardia e l’Emilia, ma pure su alcuni tratti del Triveneto, segno di un’instabilità latente su buona parte del Nord.

La primavera più fredda da anni in Europa

Allerta Meteo per le prossime 48 ore: forti temporali e rischio grandine

Polizia salva donna incinta bloccata dal violento nubifragio nella Capitale

Tuttavia, come spesso successo in questi ultimi giorni, teatro di un generale aumento dell’instabilità saranno le ore più calde e dunque quelle pomeridiane quando si faranno sempre più evidenti i contrasti tra il caldo preesistente nei bassi strati e le infiltrazioni d’aria più fresca alle quote superiori.
E’ un po’ come gettare benzina sul fuoco per capirci, dando origine così ad una vera e propria esplosione di focolai temporaleschi. Occhi puntanti dapprima sui rilievi alpiniprealpini e sulla dorsale appenninica meridionale e parte di quella centrale dove i temporali saranno via via sempre più protagonisti accompagnati inoltre da qualche possibile e locale grandinata.

Ci sarà spazio però a forti note d’instabilità anche su alcuni tratti di pianura come su quelle più settentrionali lombarde (anche Milano a rischio) venete (qui anche sul veronese), in Emilia Romagna e a scendere anche sui comparti pianeggianti del Lazio, della Campania, su quelli tirrenici calabresi e sull’area più orientale della Sicilia e della Sardegna. Altrove il tempo sarà contrassegnato invece da una moderata variabilità in un contesto comunque più asciutto.

Meglio andranno le cose poi dalla serata quando, quasi a volerci fare un dispetto, l’instabilità atmosferica si andrà rapidamente esaurendo abbandonando così il nostro Paese proprio verso lo scoccare del coprifuoco (ancora attivo nelle regioni in zona gialla).

Fonte: Meteo Periodicodaily