Tempo di zanzare: i migliori metodi per difenderci

0
313

L’estate è arrivata, e con essa è tempo di zanzare, come si sarà già accorto chi viene preso di mira da questi insetti (come chi vi scrive). I modi per difenderci, però, ci sono.

Come difenderci in tempo di zanzare?

In tutto il mondo esistono 3000 specie di zanzare: l’unico luogo dove sono del tutto assenti è l’Antartide, per ovvie ragioni climatiche. Alcune di queste possono essere davvero pericolose per l’uomo. Si calcola, infatti, che più di 700 milioni di persone ogni anno sono colpite da malattie portate da questi insetti. Ma com’è la situazione nel nostro Paese?


Aumento delle zanzare legato al cambiamento climatico


La minaccia della zanzara tigre

In Italia il numero delle zanzare è sensibilmente aumentato negli ultimi anni, e se ne contano 70 specie, come afferma Ester Papa, Technical Manager di Rentokil Italia. “Le più diffuse sono la zanzara comune, la zanzara tigre e la zanzara coreana, quest’ultima con una grande adattabilità anche alle basse temperature. Sebbene la zanzara tigre sia considerata una grave fonte di fastidio a causa delle punture inferte dalle femmine, può rappresentare anche un problema sanitario. Questa specie risulta molto abile, come vettore biologico, nel trasmettere diverse infezioni virali, come Dengue e Chikungunya, ed è quindi molto importante fare attenzione e proteggersi” spiega.

Il ruolo di Rentokil

Proprio a tema zanzare, l’azienda Rentokil ha rilevato un aumento del 103% di richieste di prodotti e servizi da parte dei suoi clienti. I tecnici di disinfestazione zanzare hanno visto aumentare i loro interventi del 18% dallo scorso anno, e del 27% dei controlli in loco. Infine, le raccomandazioni dirette da parte di esperti per limitare le infestazioni sono aumentate del 141%.

Limitare la diffusione

“Il Ministero della Salute, le amministrazioni locali e gli enti pubblici mettono in atto ogni anno un piano di sorveglianza e misure di prevenzione e contenimento di questi infestanti per proteggere i cittadini con trattamenti antilarvali preventivi, ma anche in fase adulta. Tuttavia, anche i singoli cittadini possono contribuire a limitarne la proliferazione con comportamenti più responsabili. Si tratta di accorgimenti anche piccoli, ma che si dimostrano efficaci per contrastare la diffusione delle zanzare, con benefici per tutti” prosegue Ester Papa. A tal scopo, Rentokil ha realizzato una piccola lista per i cittadini.

Tenere pulito il giardino

Se avete un giardino o un terrazzo, soprattutto in estate è importante tenerlo pulito. Infatti, lasciare che l’erba cresca troppo crea la situazione ideale per la deposizione delle uova delle zanzare. In caso di terrazzo, invece, può essere una buona idea piantare fiori e piante con azione repellente per le zanzare. Geranio, calendula, lavanda o citronella; ma anche basilico, erba gatta e menta.

Evitare l’acqua stagnante

Al fine di evitare di creare l’ambiente ideale per le zanzare, sarà anche utile prestare attenzione all’acqua stagnante e alle possibili fonti di umidità. Possiamo farlo pulendo regolarmente le grondaie, i secchi, gli annaffiatoi. Ma anche gli irrigatori automatici che abbiamo in giardino: dovremo assicurarci che i bidoni di raccolta dell’acqua siano chiusi con il coperchio, oppure con una retina antizanzare ben fissata.

Installare delle zanzariere

Per quanto possa sembrare banale, è comunque il metodo più efficace per difenderci dalle zanzare. È importante assicurarci che le nostre zanzariere siano di buona qualità e installate nella maniera corretta: inoltre, dovremo pulirle regolarmente e con prodotti non aggressivi.

Usare un ventilatore

Anche l’utilizzo di un ventilatore può essere un’ottima idea. Infatti, l’aria che circola in questo modo impedisce alle zanzare di muoversi liberamente, intralciandone il volo. Inoltre questo riduce anche la quantità di CO2 nell’aria, una delle sostanze chimiche che maggiormente attira gli infestanti.

Prevenire è meglio che curare

Da ultimo, è preferibile indossare abiti a maniche lunghe e di colori chiari, oltre ad evitare profumi troppo elaborati. È anche consigliabile l’utilizzo di repellenti di protezione individuale.