Immagine

Oggi si è svolta l’inaugurazione del Parco Archeologico di Paestum, sito che dal 1998 è patrimonio mondiale UNESCO, dopo l’adeguamento dei varchi e dei sentieri per consentire ai disabili l’accesso facilitato all’area.

Sul profilo facebook del direttore del Parco Archeologico Gabriel Zuchtriegel  si legge ”nei mesi scorsi a ‪#‎Paestum ci siamo confrontati con le norme in materia di accessibilità, per creare il primo percorso integrato che va all’interno di un tempio greco ancora in piedi, la c.d. Basilica. Ma non volevo aprire domani questo percorso senza sperimentare in prima persona se è effettivamente praticabile… il mio grande rispetto a tutti che si muovono in carrozzella in un mondo che deve ancora fare tanto per l’accessibilità!”.

Di fatti il direttore del Parco questa mattina ha voluto verificare di persona l’accessibilità seduto su una carrozzina per disabili.

Un progetto degno di nota perché sia da esempio per tutte le altre strutture pubbliche e private ancora prive di questo tipo di adeguamenti.

La Basilica è il tempio più antico dei tre grandi edifici di Paestum che appartiene alla prima generazione dei grandi templi in pietra, iniziato intorno al 560 a.C. Dai  Ritrovamenti di materiali e iscrizioni risulta che potrebbe trattarsi del tempio di Apollo, divinità che appare anche sulle metope dell’Heraion sul fiume Sele. Questa sera stessa, alle ore 21.00, la prima serata di apertura al pubblico della Basilica, primo e unico tempio greco, così ben conservato in tutto il Mediterraneo, a essere accessibile ai disabili senza barriere architettoniche grazie a un percorso dedicato, il tutto accompagnato dalla musica elettrica con DJ TY1. Iniziativa inclusa nel biglietto di accesso al Parco € 4,00 (gratuito fino a 18 anni e ridotto del 50% da 18 a 25 anni).

Sarà un’occasione questa sera, senza disagi e distinzioni, di ritrovarsi tutti insieme, disabili e non all’aperta della Basilica del Parco Archeologico di Paestum per godere della musica e dell’antica architettura.

Dott.ssa Rosa Ferro

 

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here