Temperature dei mari elevate potrebbero sviluppare conseguenze per l’Italia

0
173

Temperature dei mari è bollente, ed ora purtroppo ci sono conseguenze imminenti per l’Italia

Nelle ultime settimane l’alta pressione africana ha arroventato tutta l’Italia, con il Centro-Sud maggiormente esposto a questa che potrebbe essere stata la più forte ondata calda di tutta l’estate; le Temperature dei mari di pari passo, si son fatte sempre più elevate, come recentemente scoperto da accurate rilevazioni satellitari e tramite una capillare rete di monitoraggio basata su un grande numero di boe disseminate in vari punti del Mar Mediterraneo, che inviano costantemente informazioni molto dettagliate ai centri di monitoraggio e ricerca circa lo stato di salute dei nostri mari.

Dando uno sguardo ai dati recentemente raccolti, riferiti ai valori massimi raggiunti dalla superficie dei mari italiani notiamo subito picchi di 25°C sul mar Tirreno, sull’alto Adriatico26°C anche al largo delle coste ioniche, addirittura 27,4°C nello Stretto di Sicilia. Stiamo parlando di un’anomalia di circa +3°C rispetto a quanto ci si aspetterebbe in questo periodo dell’anno, insomma un dato piuttosto allarmante.

Anticiclone Africano sull’Italia: ma attenzione ai forti temporali e grandine da Martedì

Uragano Elsa fa paura a Miami: sospese ricerche dei 121 dispersi nel crollo del...

Meteo NCEP: Europa con un’anomala Alta Pressione effetto Canada con caldo record

Se tutto questo può far piacere ai bagnanti, che possono così fare a meno dei brividi al primo tuffo in acqua, la temperatura marina così alta può avere ripercussioni negative anche rapidissime ed imminenti sul clima e sull’ecosistema marino.
Sotto un profilo tipicamente “meteo”, il grandissimo calore accumulato dal mare potrà fornire energia in abbondanza per la nascita di eventi meteorologici estremi già adesso, non appena giungeranno i primi sbuffi di aria fresca dall’Oceano Atlantico.

Temperature delle acque dei nostri mari molto più calde del normale

Temperature delle acque dei nostri mari molto più calde del normale

Fonte: CNR