Temperature da record storico in Italia

0
190

Temperature da record storico in Italia. Il Mediteranno sarà invaso da una delle più massicce invasioni di aria dal Sahara degli ultimi decenni.

Ed ecco che ci siamo, la temuta super ondata di calore estiva sembrerebbe concretizzarsi per questa settimana e forse inizio della prossima. E parliamo di un evento meteo che potrebbe assumere persino rilevanza storica. E utilizziamo come sempre il verbo al condizionale, in quanto gli estremi termici, quelli di temperature da record non sono facilmente prevedibili.

48°C

È una soglia di previsione che viene prospettata nell’elaborazione dei dati dai modelli matematici di previsione, come valore estremo per talune località tra Sardegna e Sicilia. Le regioni d’Italia più esposte alla calura proveniente dal Sahara. È una temperature da record storico per l’Italia e l’Europa, valore comunque già raggiunto in passato.

Questo valore fu toccato a Catenanuova (Sicilia) con +48,5°C registrati dalla stazione meteo locale nell’estate del 1999, il 20 agosto.

Ondata di caldo dal Sahara

Una massa d’aria molto calda proveniente dal deserto del Sahara tenderà a spostarsi verso nord a partire da martedì 27 luglio, dapprima il suo moto sarà lento, per divenire entro mercoledì 28 fulmineo, irruento e di forte intensità. Aria rovente, con temperature stratosferiche, si ammasserà sulla catena dell’Atlante algerino, per piombare giovedì 29 sulla Spagna orientale e centrale, le Isole Baleari, la Sardegna, tutta l’Italia centrale e meridionale, la Sicilia, la Grecia gran parte dei Balcani e poi tutto il bacino orientale del Mediterraneo. Di botto ci troveremo in una condizione di caldo africano. Battendo tranquillamente le temperature da record per la nostra penisola

Apparente migrazione del Sahara nel Mediterraneo

Osservando le proiezioni dei modelli matematici, quelli che indicano la temperatura alla quota di circa 1500 metri sopra il livello del mare, vediamo il calore del Sahara riversarsi improvvisamente verso il Mediterraneo. E tutto ciò avverrebbe in varie ondate. Infatti, a tratti l’ondata di caldo si smorzerà lievemente per poi riprendere vigore, anche perché nel frattempo sarà contrastata da masse d’aria di origine artica che premieranno verso sud, e proveranno a respingere verso l’Africa questa insana ondata di caldo.

Durata dell’evento meteo

È pressoché impossibile definire la durata dell’evento meteo riferito all’ondata di calore con una buona affidabilità di previsione, anzi praticamente è quasi impossibile, perché se i modelli matematici di previsione, non ci danno informazioni affidabili, il meteorologo non può stilare delle previsioni meteo su congetture.

Forti temporali e grandine ma pure ondate ci caldo

Cos’è il Devastante “Bootleg Fire”: perché è stato scatenato dai cambiamenti climatici

Allerta meteo della Protezione Civile per Lunedi al Nord e Toscana

I modelli matematici di previsione

I due principali modelli matematici di previsione, e ci riferiamo a quello americano (GFS) e quello europeo (ECMWF), a fasi alterne sono indirizzati verso uno stop all’ondata di calore con l’ingresso di aria più fresca da nord, oppure nel proiettare a più lungo termine la sua durata, facendola diventare molto fastidiosa. Insomma, non c’è certezza sulla durata dell’ondata di caldo.

Centro Meteo europeo

Molto spesso da noi europei viene qualificato come il modello matematico più affidabile, ma anche questo prodotto della meteorologia moderna non è infallibile, e tutto ciò è normale. L’emissione di oggi propone un’ondata di calore della durata di dieci giorni. Magari nella prossima proiezione cambierà ancora.

Centro meteo americano

Il modello matematico americano invece stavolta prospetta un’evoluzione meno drammatica, con temperature estreme, ma con l’opzione di un refrigerio che presenta lo schema di rottura dell’estate. Anche questo modello matematico, quindi, indica una certa imprecisione oltre X giorni di previsione, in quanto in precedenza prospettavano durata del caldo a tempo illimitato.

L’incertezza dei due modelli matematici è giustificata ampiamente in quanto ci troviamo davanti a una previsione di condizioni meteo climatiche ben più che estreme, dove si rischiano di record.

Centro meteo americano: la rottura dell’estate

Il modello matematico americano fa cenno per il meteo del lungo termine ad una rottura della stagione estiva. Questa è una teoria da considerare, anche perché la proiezione protende verso un periodo dell’anno che potrebbe vedere eventi meteo di questa natura, ovvero verso il 10 agosto. Ma siamo troppo distanti per dargli credito, già premettendo quanto detto prima, che una sorta di perturbazione di calore più che esagerato, sballa tutta la previsione.

Dobbiamo dare atto, comunque al centro meteo americano che ha formidabilmente inquadrato l’estrema variabilità stagionale, che è indiscutibilmente caratterizzata da un eccesso di eventi meteo estremi.

Ancora forti nubifragi stamattina a Nord Ovest (Video)

In arrivo nelle prossime ore grandinate e nubifragi al Nord

Estremizzazione climatica in tutto il Pianeta

Da tutti i Continenti del nostro Pianeta riceviamo notizie di eventi meteo estremi, di record. Dell’Emisfero Nord sono parecchi gli eventi meteo di caldo, in quello meridionale dove è inverno, tantissimi sono gli estremi di freddo, con ondate di gelo e temperature che toccano valori che non si registravano da molti decenni. Ma attenzione, per una corretta informazione è necessario sottolineare che nell’emisfero sud non è piombata l’era glaciale, il freddo non è diffuso, vi sono ampie aree dove la temperatura è molto superiore alla media, e soprattutto si verificano condizioni meteorologiche dove l’inverno non si è ancora presentato.

I cambiamenti climatici

È probabile che i cambiamenti climatici stiano influenzando il meteo quotidiano e quello stagionale come affermano migliaia di scienziati, però si dice anche che non è il singolo evento meteo a confermare che il clima è cambiato. Però, se il clima non fosse cambiato, non ci sarebbero gli estremi meteo che stiamo osservando, i quali si presentano con incredibile frequenza.

Il caldo a 48°C in Italia.

Le proiezioni dei super modelli matematici indicano costantemente che in alcune località italiane, stavolta parrebbe in Sicilia, si possano toccare i 48°C in talune lande. Sono valori stratosferici, che da giorni vengono prospettati dai modelli matematici di previsione. E man mano che ci avviciniamo all’evento meteo, la previsione assume una maggiore affidabilità. Ma per ora sono necessarie conferme.

Fonte: Meteo Giornale