Temperatura: qual’è la soglia a cui il corpo umano non può sopravvivere?

0
329

C’è una soglia di temperatura oltre la quale il corpo umano semplicemente non può sopravvivere, una soglia che alcune parti del mondo stanno iniziando a superare sempre più. È una “temperatura a bulbo umido” di 95 gradi Fahrenheit (35 gradi C).

Qual’è la soglia di temperatura di sopravvivenza?

Per capire cosa significa, aiuta iniziare a scoprire come il corpo umano regola la sua temperatura. I nostri corpi devono rimanere intorno ai 36,6 gradi. Se questa temperatura diventa troppo alta o troppo bassa, possono esserci dei problemi. E poiché i corpi producono sempre calore dalle normali funzioni, come digerire, pensare e pompare il sangue, abbiamo bisogno di un posto dove mandare quel calore.

Ecco perché i nostri corpi hanno un sistema di raffreddamento integrato: il sudore

Il sudore funziona utilizzando un trucco fisico chiamato raffreddamento evaporativo. Ci vuole un bel po’ di calore per trasformare l’acqua da un liquido a un gas. Quando le goccioline di sudore lasciano la nostra pelle, allontanano molto calore dai nostri corpi. Quando l’aria è molto secca, un po’ di sudore può rinfrescarci molto. L’aria umida, invece, contiene già molto vapore acqueo, il che rende più difficile l’evaporazione del sudore. Di conseguenza, non possiamo anche raffreddarci.

È qui che entra in gioco il termine temperatura a bulbo umido

E’ una misura del calore e dell’umidità, essenzialmente la temperatura che sperimentiamo dopo che il sudore ci raffredda. Possiamo misurare la temperatura del bulbo umido attaccando un manicotto umido all’estremità di un termometro e facendolo girare. L’acqua evapora dalla manica, raffreddando il termometro. Se è umido, non si raffredda quasi per niente, e se l’aria è secca, si raffredda molto. Quella lettura finale dopo che il termometro si è raffreddato è la temperatura del bulbo umido.

Nella Death Valley, in California, c’è la temperatura più alta

Uno dei luoghi più caldi della Terra, le temperature spesso arrivano fino a 120 gradi F, ma l’aria è così secca che in realtà registra solo una temperatura corporea umida di 77 gradi F. Uno stato umido come la Florida potrebbe raggiungere la stessa temperatura a bulbo umido in una giornata afosa di 86 gradi. Quando la temperatura del bulbo umido supera i 95 gradi F, i nostri corpi perdono la capacità di raffreddarsi e le conseguenze possono essere mortali.

Super Caldo: ecco come difenderai dai colpi di calore

Fino a poco tempo

Gli scienziati non pensavano che avremmo varcato quella soglia al di fuori degli scenari apocalittici del cambiamento climatico. Ma uno studio del 2020 che esamina dati meteorologici dettagliati in tutto il mondo ha rilevato che abbiamo già superato la soglia almeno 14 volte negli ultimi 40 anni. Finora, questi eventi caldi e umidi sono stati tutti raggruppati in due regioni: il Pakistan e la penisola arabica. L’acqua calda del Mar Rosso e del Golfo Persico rende l’aria al di sopra estremamente umida. Nell’entroterra, nella penisola arabica, il caldo arido continentale fa salire le temperature alle stelle. E quando questi due sistemi si incontrano, possono inclinare la temperatura del bulbo umido al di sopra della soglia del bulbo umido di 95 gradi F.

In Pakistan la temperatura non è ben definita

E’ un po’ meno chiaro cosa stia guidando questi estremi caldi e umidi. Ma gli scienziati pensano che sia causato dall’aria calda e umida che scorre nell’entroterra durante la stagione dei monsoni. Mentre passa sul fiume Indo, l’aria diventa più umida fino a quando non colpisce città come Jacobabad, spesso definita una delle città più calde della terra. Ad oggi, Jacobabad ha varcato quella soglia mortale del bulbo umido ben sei volte, la maggior parte di qualsiasi singola città mai registrata.

Se tracciamo tutti questi eventi nel tempo

E’ chiaro che questi estremi caldi e umidi stanno aumentando con il riscaldamento del pianeta. Gli scienziati si aspettano che questi eventi si verifichino ancora più frequentemente in queste regioni in futuro. Altri luoghi come il Messico costiero e gran parte dell’Asia meridionale potrebbero presto essere a rischio di varcare queste soglie per la prima volta.

Il caldo estremo è mortale se la temperatura è al di sotto della soglia dei 95 gradi

I giovani adulti sani possono sperimentare seri effetti sulla salute a una temperatura a bulbo umido di 86 gradi F. E anche il caldo secco può essere pericoloso quando i corpi delle persone semplicemente non riescono a espellere il sudore abbastanza velocemente da rinfrescarsi.

In tutto il mondo, il caldo estremo uccide probabilmente almeno 300.000 persone ogni anno

Ma può essere notoriamente difficile tenere traccia dei conteggi dei decessi associati alle singole ondate di calore. Il calore spesso uccide indirettamente, provocando attacchi di cuore, ictus o insufficienza d’organo, rendendo difficile determinare se quei decessi siano stati causati dal caldo o da una condizione medica non correlata. Anche ondate di calore relativamente miti possono essere mortali quando si verificano in luoghi in cui le persone non sono preparate a quelle temperature estreme. Ad esempio, un’ondata di caldo del 2010 in Russia, dove le temperature estive raramente superano i 74 gradi F, ha ucciso circa 55.000 persone nonostante abbia raggiunto solo circa 100 gradi F.

I conteggi dei decessi legati alla temperatura di calore sono ancora più difficili da calcolare

Nelle regioni senza registri dei decessi accurati o tempestivi. In Pakistan, patria di molti record mondiali di caldo umido, il governo non registra ufficialmente i decessi, ha affermato Nausheen Anwar, direttore del Karachi Urban Lab , un programma di ricerca che studia gli impatti del caldo estremo in Pakistan. Invece, il suo laboratorio si basa spesso su interviste con medici, conducenti di ambulanze o proprietari di cimiteri per calcolare l’impatto delle ondate di calore. Fermare i cambiamenti climatici potrebbe essere la nostra migliore occasione per mantenerli il più rari possibile.