Tecnica di respirazione per attenuare lo stress

0
501
Tecnica di respirazione per attenuare lo stress

Tecnica di respirazione: alcuni consigli su come conciliare il nostro modo di respirare con l’asfissiante e indisponente stato di stress. La maggior parte delle persone, infatti, non respira in modo dovuto e lo stato di ansia e stress quotidiano, ci induce a fare dei brevi e limitati inconsapevoli respiri. Essi ci creano a lungo andare il cosiddetto affanno, quando non si tratta addirittura di vera e propria ansia.

Tecnica di respirazione un miracolo per attenuare lo stress?

Infatti, le più applicate tecniche orientali di yoga, meditazione, all’inizio di ogni loro applicazione, prendono in considerazione un’elemento base: il respiro. Prima di ogni stato di rilassamento ci si concentra sull’inspirazione profonda di almeno sette secondi. Si fa trattenere il respiro per circa uno o due secondi, e infine si espira fino a vuotare i polmoni. Tale espirazione e inspirazione deve rigorosamente essere fatta, come partisse dalla pancia. Noterete, come tutto si rilassa magicamente. Tutto rallenta e il cervello e i relativi polmoni, avendo ricevuto la giusta dose di ossigeno cominciano a rilassarsi. Raccomandata dagli antichi guru orientali, effettuata quotidianamente da veri e propri cambiamenti nell’affrontare con più serenità, le avversità della vita.

Quando farle?

Effettuare queste tecniche di respirazione e rilassamento la mattina, appena svegli, per affrontare bene la giornata lavorative. Non c’è da sottovalutare il fatto che facendo cinque minuti di tale respirazione, può creare un di sonnolenza, data dal rilassamento acquisito dall’ossigeno.

Tecnica di respirazione per attenuare lo stress: entrare in una fase meditativa

Un modo più specifico per aumentare sensibilmente l’effetto di tale pratica è immaginare che dalle narici entri un aria di colore bianco o dorato. Tutto è purificato, tutti i pensieri del nostro essere, e dopo avere svolto tale prezioso compito, fuoriesca, sempre ricordandosi di avere trattenuto il respiro per 2 secondi. Un respiro dalla bocca di colore nero o grigio, come preferite, che si porta via con se tutto lo stress e tutte le cause delle nostre più sentite preoccupazioni.

Un modo passivo di rilassamento

Esiste anche un altro modo, passivo di rilassamento, visitare il sito youtube, e digitare: frequenze benefiche, meglio conosciute come frequenze binaurali. E’ provato che l’acqua, sottoposta a vibrazioni durante la cristallizzazione, subisce differenti forme, e ne consegue che il corpo umano, essendo costituito per oltre il settanta per cento d’acqua, reagisce a tali stimoli generosamente offerti da tali frequenze.

Infatti esiste una frequenza che regola ogni specifico organo, dalla tiroide, al cuore, al pancreas, al fegato, allo stomaco, all’intestino, e via dicendo. Raccomando per esperienza personale, provate visionare questi video, le frequenze sono molto sottili, ed è altamente raccomandato ascolto con cuffie, in maniera da usufruire di una più potente azione benefica.


Meditazione semplice: tre minuti per rinascere


Commenti