Taken, un cult senza tempo

0
616

Era il lontano 2002 quando debuttò sui piccoli schermi di tutto il mondo (in Italia arrivò solo due anni dopo, nel 2014) la miniserie di genere fantascienza prodotta nientemeno che dall’immenso Steven Spielberg, TAKEN, che subito vinse un Emmy Award nella categoria “miglior miniserie”.

La serie fu prodotta dalla Dreamworks, casa di produzione televisiva di Spielberg, e andò in onda in prima tv in USA su Scy Fi Channel, e tra i personaggi protagonisti vantava attori del calibro di Julie Benz e soprattutto della giovanissima ma già bravissima Dakota Fanning!

La trama si snoda nell’arco temporale di cinque decenni e quattro generazioni, in cui racconta la storia di tre famiglie: i Keys, i Crawford, ed i Clarke. Il veterano del secondo conflitto mondiale Russel Keys è assiduamente perseguitato da incubi sul rapimento subito da parte degli alieni durante la guerra; l’incidente di Roswell rende Owen Crawford un perfido cospiratore del governo ombra; mentre Sally Clarke viene messa incinta da un visitatore alieno.

Col passare degli anni i discendenti di ciascuna famiglia sono coinvolti nelle macchinazioni degli alieni, che si concludono con la nascita di Allie Keys, il prodotto finale dei loro esperimenti, che rappresenta la chiave del loro futuro…

Taken venne da subito considerato un cult del genere fantascientifico, in particolar modo della fantascienza che tratta il tema dell'”invasione aliena”.

Consta di 10 episodi, decisamente lunghi considerando che si tratta di una serie tv, infatti hanno una durata media ad episodio di circa novanta minuti (contrariamente ai quaranta canonici), e non sempre scorrevolissimi, però vale decisamente la penala guardarli tutti, dato che questo serial si può tranquillamente considerare un pioniere del filone cui appartiene, certamente da non perdere!

Commenti