Svizzera: si al referendum sulla legge anti-burqa

0
235

Lugano: con il 51,2% dei consensi degli elettori e l’adesione di 20 dei 26 cantoni passa in Svizzera la proibizione di indossare burqa o niqab in luoghi pubblici.

Svizzera, legge anti-burqa: chi sono i promotori?

Stando ai risultati definitivi il testo di modifica costituzionale ha ottenuto il 51,2% dei consensi degli elettori e l’adesione di 20 dei 26 cantoni. Il raggiungimento della maggioranza dei Cantoni era necessaria visto che il quesito tocca la Costituzione federale. L’iniziativa è stata promossa dalla destra conservatrice elvetica, per la gran parte raccolta attorno al partito Udc. Tuttavia come mostrano i dati la proposta ha conquistato consensi in modo trasversale. I sondaggi indicavano un testa a testa ed infatti così è stato, con la prevalenza alla fine del sì.  I promotori del sì hanno precisato che l’iniziativa prevede eccezioni per motivi di salute, di condizioni climatiche (sport invernali), di usanze locali (carnevali).

La posizione di Governo e Parlamento

Il Governo e la maggioranza del Parlamento federale si erano opposti definendo l’iniziativa eccessiva visto il numero molto esiguo di casi di burqa o niqab in Svizzera. Governo e Parlamento hanno inoltre sostenuto un controprogetto, che prevedeva l’obbligo di mostrare il viso alle autorità solo nei casi necessari ad accertare l’identità. Il voto è certo contro tutte le forme di dissimulazione del volto in pubblico ma è chiaro che è soprattutto contro l’abbigliamento prescritto per le donne nelle parti più tradizionaliste, o direttamente integraliste, dell’Islam. 

Quali sono state le reazioni in Svizzera per la legge anti-burqa?

I Giovani Verdi svizzeri hanno condannato l’esito del voto e hanno affermato di voler aiutare le donne toccate dal divieto ad obbiettare le decisioni delle autorità. Le associazioni islamiche attive in Svizzera invece si sono divise: alcune sono deluse, altre al contrario indicano come positivo il voto. Il divieto di coprire il viso in pubblico era già in vigore in due cantoni svizzeri: il Ticino e il San Gallo.

Roma Capitale: al via l’iter della riforma costituzionale

Commenti