STURG: arte e musica riqualificano uno spazio di Cosenza

Il progetto di rigenerazione urbana e sociale attraverso le arti è in piena fase esecutiva. L'apertura e restituzione dello spazio alla città sarà sabato 21 maggio.

0
192
STURG
L'intervento di rigenerazione urbana a Cosenza

Tutto pronto per la performance multi-disciplinare di danza e musica classica e contemporanea, teatro, fotografia e eco-music in un esperimento di Cinema verticale in diretta a Cosenza. Lo spazio riqualificato è una scalinata adiacente a Piazza XV Marzo, una delle più belle del centro storico che diventa un Open Museum collegato virtualmente a tutto il mondo con una web-app. L’intervento è realizzato nell’ambito di STURG, progetto promosso dalla Direzione generale creatività contemporanea del Ministero della Cultura.  


Playground di Gummy Gue rinnovano Buccinasco


Chi ha partecipato al progetto di riqualificazione STURG?

In piena fase esecutiva il primo evento del Sud Italia di Rigenerazione urbana e sociale attraverso le arti che restituirà simbolicamente alla città uno spazio inondato di bellezza. L’inaugurazione è in programma sabato 21 maggio alle 21.30 a Cosenza. Infatti, la scalinata, che da più di 50 anni ha portato diversi studenti alle scuole storiche, sta per essere completamente rigenerata. L’intervento è reso possibile dall’impegno di cittadini e ragazzi volontari insieme a artisti, operatori professionisti della cultura e della tutela ambientale.

Un recupero che ha coinvolto la comunità

STURG è un viaggio in bilico tra reale e virtuale che i visitatori potranno fare con un QR Code Road che li porterà in cima ai 70 gradini della Stairway To Urban Ri-GenerationGennaro de Rosa, Presidente dell’Associazione Musica contro le mafie e Direttore scientifico del progetto commenta così l’intervento. “La rigenerazione ha reso possibile la costruzione di una comunità eterogenea e ha sviluppato una rete solidale che potrà rispondere agli attacchi al territorio da parte delle mafie. Rigenerare vuol dire ricostruire, creare nuova comunità. Quando una comunità positiva lavora per sviluppare bellezza crea di fatto anticorpi verso quello che è il virus delle mafie”.

Gli artisti coinvolti in STURG

Insieme al Team di STURG tanti gli artisti che stanno compiendo azioni di trasformazione. Li guida il Coordinatore e Direttore della sezione Arti Figurative e Plastiche per la Rigenerazione Urbana, Alfredo Granata. La street-artist di fama internazionale Ale Senso (Roma/Berlino) è impegnata in una continua sperimentazione tesa a individuare e chiavi simboliche in continua evoluzione. Partecipa la crew dei “Brò 360” (Cosenza) con esperienza pluriennale nel campo artistico, culturale e della formazione. Luigi Impieri (Forlì) è uno tra i maggiori esponenti italiani dell’arte del Trencadis, abile colorista, capace di una melodia diffusa e soffusa di luce cromatica o di accenti profondi. Cristina Russo (Catanzaro) propone invece un’espressione in equilibrio tra arte e scienza. Hanno collaborato anche i fotografi Luigi A. Patitucci Roberto Aquino (Cosenza). Gli artisti del Liceo Artistico Lucrezia Della Valle di Cosenza hanno aderito insieme ai cittadini volontari e agli studenti del Liceo Classico Bernardino Telesio

Gli appuntamenti di STURG

In occasione degli spettacoli di apertura e dei workshop, saranno allestiti e costruiti, con materiale di risulta, due spazi per lo spettacolo denominati “Plastic Theatre”. Giovedì 19 maggio alla Sala degli specchi della Provincia di Cosenza si terrà la conferenza stampa di presentazione alla presenza di partner, artisti e giovani studenti. Seguirà quindi la cerimonia del taglio del nastro con le autorità e i partecipanti. Sabato 21 Maggio alle 21 è quindi in programma la performance multi-artistica con esperimento di cinema verticale in diretta. L’inquadratura è un formato tipico dello smartphone e l’idea di utilizzarla in cerimonia di apertura è volta a consolidare artisticamente un diffuso modulo espressivo quotidiano. 

L’inaugurazione della scalinata delle scuole

La performance in bilico tra virtuale e reale coinvolgerà il quartetto d’archi Mousikè diretto dal Violoncellista Stefano Amato (Brunori Sas). Il musicista è anche compositore della suite originale sulla quale è costruita l’intera esibizione. Partecipano l’eco music pioneer e campione di economia circolare Maurizio Capone e la compagnia Create Danza di Filippo Stabile. Partecipano anche gli studenti del Liceo coreutico e musicale Lucrezia Della Valle di Cosenza e le fotografe Chiara G. Leone e Sonia Golemme. La regia video è di Giovanni Rodìa e degli allievi ell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. L’introduzione è a cura del Prof. Marcello Ravveduto docente di Digital Public History alle Università di Salerno, Roma3 e Reggio Emilia. L’esperto affronterà quindi il tema della rigenerazione urbana con influenza ambientale e sociale. 

Progetto STURG 

STURG è l’acronimo di Stairway TUrban Ri-Generation e richiama il famoso brano dei Led Zeppelin Stairway to Heaven. Il progetto è sostenuto e finanziato nell’ambito della 3a edizione dell’avviso pubblico Creative Living Lab. Si tratta infatti di un modello nazionale di azione che applica le buone pratiche per la sostenibilità ambientale, attraverso la bellezza, l’arte e il coinvolgimento dei cittadini. Il ruolo urbano degli spazi dimenticati assume quindi nuovi significati e suggerisce alle istituzioni policies urbanistiche. Nello specifico, è un’iniziativa che ha scelto un luogo simbolo della città calabrese e ha come tramite l’innesco emotivo tra i citizens del passato e del presente e del futuro.

Immagine da cartella stampa.