Studentessa di 7 anni molestata: era in lezione online

Una studentessa di 7 anni molestata in diretta mentre era in video lezione.

0
733

Un episodio di orrore è accaduto a una studentessa di 7 anni, è stata molestata mentre partecipava ad una lezione in diretta online. L’alunna era in video lezione quando la sua insegnante ha visto dalla webcam, l’aggressione sessuale sulla piccola.

Molestata mentre era in video lezione

La bimba una studentessa di 7 anni, era in pausa dalla video lezione quando è stata vittima dell’aggressione da parte di un uomo entrato nella sua stanza. L’insegnante aveva chiesto a tutti gli studenti di disattivare microfoni e telecamere durante l’intervallo. La piccola però, aveva lasciato la webcam attivata. Ad un certo punto quindi, si vede l’aggressore entrare e obbligare la bambina a fargli sesso orale. L’insegnante scioccata, ha urlato agli studenti di disconnettersi. A quel punto l’uomo udendo le urla ha repentinamente chiuso il pc.

Studentessa di 7 anni molestata: vittima di frequenti abusi?

L’insegnante ovviamente, ha subito avvertito le forze dell’ordine che hanno arrestato l’uomo: il 18enne Catrell A. Walls. L’accusa è di violenza sessuale aggravata. Walls è comparso sabato pomeriggio davanti al giudice Charles Beach per l’udienza. Il procuratore della contea di Cook, Beach Andreana Turano ha dichiarato che la vittima subiva richieste di atti sessuali già nell’ultimo anno.La bambina era costretta a mantenere il segreto a rischio di forti ripercussioni. Walls la “obbligava a mettere le labbra su il suo pene”.


Leggi anche: Adolescenza e ipersessualizzazione nei new media


Gli abusi sessuali sui minori, un fenomeno in crescita

Parlare di abusi sessuali è difficile. Lo è soprattutto nel riconoscere che ogni giorno si verificano abusi sessuali su bambini di ogni età, anche molto piccoli. L’abuso sessuale su minori è diventato una delle preoccupazioni centrali della comunità. Secondo l’UNICEF circa 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono vittime di violenza e sfruttamento sessuale. Per cui se si sospetta un abuso sessuale o si pensa che un minore possa essere in pericolo, occorre denunciare alle autorità locali. Ricorda: potresti essere l’unica persona che può aiutare la vittima di un abuso!

Commenti