Strage Ustica: risarcimenti confermati dalla Cassazione

Strage di Ustica: nessuno sconto ai ministeri che non vigilarono su ciò che succedeva in quel tratto di cielo

0
206
strage Ustica

La strage di Ustica, ricordiamo, fu un incidente aereo. Avvenuto alle 20:59 del 27 giugno 1980 sopra il braccio di mare compreso tra le isole italiane di Ponza e Ustica.

Nella strage morirono tutti gli 81 occupanti dell’aeromobile della compagnia Itavia. Passeggeri ed equipaggio. Oggi ancora non esiste chiarezza sull’episodio tragico.

Gia condannati per la strage di Ustica

Nel 2018 la Cassazione ha condannato i ministeri delle Infrastrutture e della Difesa a risarcire gli eredi del titolare della compagnia Itavia. Questo per il dissesto finanziario al quale andò incontro dopo il disastro aereo di Ustica. In effetti dopo uno stop di sei mesi la compagnia Itavia è costretta alla cessazione definitiva dell’attività per insolvenza. I due ministeri sono riconosciuti colpevoli dell’omesso controllo della situazione di rischio venutasi a creare nei cieli di Ustica. Dove aerei militari non autorizzati e non identificati incrociarono l’aerovia assegnata al volo Itavia.

La Cassazione conferma

La Cassazione, dopo il ricorso dell’Avvocatura di Stato (rappresenta i ministeri), ha confermato il ‘taglio’ dei risarcimenti per i familiari delle vittime della strage di Ustica del 1980. Tutto come sentenziato dalla Corte d’Appello di Palermo il 7 luglio 2017. I giudici hanno infatti respinto il ricorso attraverso il quale i ministeri della Difesa e dei Trasporti speravano in un’ulteriore ‘sconto’ agli importi da risarcire. Si tratterebbe di alcune decine di milioni di euro.

Ennesima sentenza che conferma determinate conclusioni. Ovvero che il Dc9 venne abbattuto all’interno di un episodio di guerra

Commenti