Sono passati ventisette anni da quel tragico 23 maggio 1992 che vide il magistrato antimafia Giovanni Falcone perdere la vita nella strage di Capaci.

strage di capaci
23 maggio 1992: Falcone perde la vita per mano di Cosa Nostra nella Strage di Capaci

Era il 23 maggio 1992, ventisette anni fa, quando il magistrato antimafia Giovanni Falcone perse la vita nella strage di Capaci per mano dell’organizzazione mafiosa Cosa Nostra presieduta dal boss Salvatore – detto Totò – Riina.

L’attentato fu causato da un esplosivo posizionato sull’autostrada A29 nei pressi di Capaci, provincia di Palermo, per uccidere il magistrato Falcone. Il tutto avvenne intorno alle sei della sera e colpì oltre al giudice anche il corteo della scorta con a bordo la moglie e gli agenti di Polizia. In tutto i morti furono cinque mentre i feriti furono in totale ventitré.

Leggi anche Giovanni Falcone: biografia di una vita dedicata interamente alla lotta alla mafia

La strage di Capaci, organizzata alcuni mesi prima. Prevedeva una serie di colpi a diverse autorità tra cui il giudice Falcone, l’allora ministro Claudio Martelli e il presentatore televisivo Maurizio Costanzo.

Strage di Capaci
Giovanni Falcone, ucciso ventisette anni fa nella Strage di Capaci

Alcuni appartenenti al gruppo mafioso si preoccuparono di osservare gli spostamenti della famiglia del magistrato e confermare l’effettivo arrivo in Sicilia di Falcone previsto per quel giorno. Il magistrato e la moglie stavano infatti tornando dall’aeroporto quando, Giovanni Brusca – prima mafioso e poi collaboratore di giustizia – fece causare l’esplosione.
La prima blindata del corteo che circondava Falcone venne colpito direttamente dall’esplosione uccidendo sul colpo gli agenti Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo. La seconda auto invece, guidata dallo stesso Falcone, si schiantò contro il muro proiettando giudice e moglie contro il parabrezza. Per quanto riguarda invece gli agenti Paolo Capuzza, Gaspare Cervello e Angelo Corbo che si trovavano sulla terza auto, sopravvissero all’esplosione riportando delle ferite.

Falcone morì alcune ore dopo l’attentato nonostante alcuni tentativi di rianimazione a causa della gravità del trauma cranico e delle lesioni interne, e con lui morì anche la moglie Francesca Morvillo.

L’impatto emotivo che la strage di Capaci ebbe sull’opinione pubblica fu rilevante e senza precedenti. Venne infatti istituita una giornata di lutto a cui seguì uno sciopero generale in tutta la Sicilia vedendo migliaia di persone stringersi intorno alla figura di Falcone.

La Strage di Capace fu solo una delle tanti stragi causate dalla mafia

L’assassinio di Giovanni Falcone fu solo uno dei tanti attacchi che Cosa Nostra mise in atto contro le personalità più importanti e prestigiose nella lotta alla mafia in Italia e a livello internazionale. Nel 1982 Cosa Nostra uccise il nuovo prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa in un’escalation di violenza che portò l’intensificarsi della lotta alla mafia grazie anche alla collaborazione del pentito Tommaso Buscetta.
Nel marzo del 1992 venne assassinato a Palermo il luogotenente di Andreotti in Sicilia Salvo Lima. La causa – secondo la testimonianza di alcuni pentiti – era che Lima non riusciva più a garantire ai mafiosi la protezione giudiziaria. Infine, circa un mese dopo l’omicidio di Falcone, avvenne l’assassinio del collega e amico Paolo Borsellino, assassinato nella strage di via D’Amelio sempre a causa di un’esplosione.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here