Stop alla parola Natale: l’ultima pazzia del politicamente corretto

L’UE presenta le nuove linee guida sulla comunicazione

0
236
Stop alla parola Natale

La Commissione europea nelle sue nuove linee guida sulla comunicazione dice stop alla parola Natale perché può offendere coloro che non sono cristiani. Scoppiano le polemiche, ma Bruxelles si difende: “Non abbiamo vietato la parola Natale. Siamo per l’inclusività”.  

Stop alla parola Natale: cosa afferma l’UE?

Nel 2021 la cancel culture e il politicamente corretto stanno ormai dilagando. Dai film Disney alla politica ogni gesto, parola che qualcuno pensa sia offensiva viene cancellata. L’ultima pazzia del politicamente corretto arriva dalla Commissione dell’Unione Europea. La Commissione ha infatti pubblicato le nuove linee guida sulla comunicazione. In un documento intitolato “Union of Equality” la Commissione dice stop alla parola Natale. Nelle nuove linee guida Bruxelles afferma che per una “corretta” comunicazione in merito alle religioni le festività non dovranno più essere riferite a connotazioni religiose, ma citate in maniera generica. Quindi la parola Natale dovrà essere sostituita con festività. Ad esempio si dovrà dire “le festività sono stressanti” e non “il Natale è stressante”. Per la Commissione UE la giustificazione è che “non tutti celebrano le vacanze natalizie e bisogna essere sensibili al fatto che le persone abbiano differenti tradizioni religiose”.  Ma non è tutto. La Commissione raccomanda anche di usare nomi generici invece di “nomi cristiani” per citare coppie a caso. Quindi d’ora in poi basta dire Maria e Giovanni perché può mettere a disagio le Malika e i Mohammad che non portano nomi cristiani.

Le altre raccomandazioni della Commissione

Nelle linee guida sono comprese anche altre raccomandazioni. Non usare nomi o pronomi che siano legati al genere del soggetto; mantenere un equilibrio tra generi nell’organizzazione di ogni panel; se si utilizza un contenuto audiovisivo o testimonianze, assicurarsi la diversità sia rappresentata in ogni suo aspetto; non iniziare un discordo con “signore e signori” ma con “cari colleghi”; mai usare la parola “vecchi” perché gli anziani si possono offendere; non usare il termine “malato” perché è un termine discriminatorio; e attenzione non scrivete “colonizzare Marte” perché  i marziani possono offendersi.


Leggi anche: Tour mercatini di Natale: si parte in treno per vederli tutti