Sto ricalcolando il percorso:cerco nuove mappe

0
254

Agata è una giovane donna di 45 anni, piacevole , intelligente, appassionata di arte e di fotografia, nel nostro incontro che ha luogo a Roma in Piazza dell’Orologio, mi parla della sua recente storia d’amore.
Mi dice : “lui era una carezza nei miei gelidi inverni, una finestra spalancata per me, ne ero innamorata, completamente assorbita, ho pensato per anni di poter avere una storia con lui.
Volevo essere la sua amante, l’altra donna.
Dico l’altra perché lui è un uomo impegnato con doveri di padre, ha due figli.
Pensavo che fosse amore, che fosse possibile finalmente amare ed essere amata, ho trascorso notti insonni con un Dobermann vicino pronto a mordermi, la mattina aprivo gli occhi e aspettavo il miracolo : essere chiamata da lui.
Il pensiero di lui disturbava ed interrompeva il sonno : mi svegliava.
Il mio cervello non trovava riposo.
Nei rari incontri lo riempivo di struggente amore mentre lui ad ogni mio slancio di premura e di affetto reagiva con evidente distacco.
Sempre molto distante, non mi ha mai fatto un regalo e neanche gli auguri il giorno del mio compleanno.
Purtroppo durante una serata tra amici scopro con dispiacere che frequenta un’altra donna.
Quando gli ho chiesto spiegazioni ha ribadito che noi non abbiamo nessun tipo di legame.
La delusione è stata lacerante al punto di spingermi ad iniziare una psicoterapia.
Le chiedo : “chissà quante cose belle ti aspettano?”.
Mi sorride e mi dice : “sto ricalcolando il percorso e cerco nuove mappe.”
Agata è una donna coraggiosa che non si è sottratta al suo sentire ma lo ha ascoltato pernettendosi di scoprire nella sofferenza alcune parti di sé con le quali aveva scarsa familiarità.
E’ stata capace di perdersi e grazie alla psicoterapia di ritrovarsi per consentire a se stessa di intravedere nuove possibilità.

Sara Macchioni De Angelis

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here