STMicroelectronics e Renault: nuovi microchip per auto elettriche e ibride

Renault e STMicroelectronics hanno dato il via ad una partnership per produrre nuovi microchip per le automobili ibride ed elettriche.

0
474
Collaborazione STMicroelectronics e Renault
Renault e STMicroelectronics produrranno microchip per auto elettriche e ibride

Renault fa un importante passo in avanti nella produzione dei microchip per le vetture ecologiche. L’azienda automobilistica francese ha annunciato ufficialmente di aver avviato una collaborazione con STMicroelectronics, una società di elettronica franco-italiana che contribuirà allo sviluppo dei dispositivi tecnologici allo scopo di migliorare l’efficienza dei veicoli ibridi ed elettrici.

Jean-Marc Chery, amministratore delegato di STMicroeletronics, ha affermato che insieme a Renault c’è l’obiettivo comune di raggiungere un importante risultato, ovvero quello di avere in un futuro nemmeno troppo lontano “una mobilità più sostenibile”.

Il dirigente ha poi aggiunto che questa collaborazione rappresenterà un ulteriore trampolino di lancio verso il “processo di decarbonizzazione” che sta perseguendo tutto il settore della mobilità, compreso il comparto della fornitura.

Le parole del CEO di Renault sull’accordo con STMicroelectronics

L’intesa raggiunta da STMicroelectronics e Renault sui microchip per auto ibride ed elettriche è stata commentata anche da Luca De Meo, amministratore delegato dell’azienda di auto parigina.

Il CEO ha spiegato che da questo lavoro di sviluppo sorgeranno dei componenti fondamentali che daranno un contributo importante nel limitare gli sprechi di energia del 45% e anche nell’abbassare del 30% le spese relative all’e-powertrain. In questo modo il Gruppo transalpino potrà permettersi di “rendere i veicoli elettrici convenienti, redditizi e popolari”.

I microchip scarseggiano: industria dell’auto in affanno

Ricordiamo che Renault si sta impegnando per diventare del tutto carbon-neutral in Europa nel 2040 e nel resto del mondo entro il 2050. Inoltre l’azienda di auto francese intende cominciare a condividere i suoi dispositivi per le macchine elettriche con il partner Nissan.