Steve Wozniak: l’11 agosto 1950 nasce il «mago» dell’informatica

0
219
Steve Wozniak è nato l'11 agosto 1950.

Quando si parla di Apple e della nascita della multinazionale statunitense che ha inventato gli iPhone e iPad, si pensa inevitabilmente a Steve Jobs. In realtà, in gioventù questi è stato affiancato da un altro «mago» della tecnologia e dell’informatica che ha contribuito all’invenzione dei primi computer che hanno rivoluzionato l’intero settore. Stiamo parlando di Steve Wozniak, nato l’11 agosto 1950 a San Josè, in California. Questi è stato (ed è ancora) un autentico genio nel mondo del digitale, introducendo diverse innovazioni a partire dagli anni Settanta.

Le origini di colui che viene definito dagli addetti ai lavori il «Mago Woz» sono ucraine e polacche, anche se è a tutti gli effetti cittadino statunitense. Da studente si iscrive all’Università di Berkeley ma comunque lascia gli studi prima di conseguire la laurea. Ovviamente, verso gli anni Settanta non è ancora nato il mito della Silicon Valley con i suoi colossi dell’informatica, ma tra gli appassionati già si respira un certo fermento per la diffusione dei primi computer. Steve Wozniak ha spesso dichiarato che, seguendo la saga di Star Trek, ha sviluppato il suo interesse per chip ed elettronica.

Steve Wozniak e Steve Jobs hanno lavorato insieme fin da giovani.

Dimostrando fin da subito di avere un certo talento, trova lavoro presso alcune società che a quei tempi erano tra le migliori nel comparto dell’informatica, ovvero Atari e Hewlett-Packard. Nel 1971 conosce Steve Jobs e da quest’amicizia e collaborazione arriveranno le invenzioni che cambieranno il settore della tecnologia. Entrambi cominciano a lavorare a un’idea che, in realtà, non è legale: costruiscono infatti delle Blue Box che gli permettono di effettuare delle telefonate a lunga gittata senza pagare, appoggiandosi come hacker alle linee telefoniche americane.

Steve Wozniak: dall’Apple I al successo mondiale con Steve Jobs

Steve Wozniak ha in mente di realizzare un nuovo tipo di calcolatore, e nel 1976 mette a punto il primo minicomputer chiamato Apple I. Questo nome viene scelto perché l’informatico adora da sempre le mele dell’Oregon. Il progetto non riceve subito il riconoscimento internazionale ma viene comunque apprezzato e applaudito dall’Homebrew Computer Club, un circolo di appassionati di computer che si divertono ad assemblarne di nuovi direttamente con le proprie mani.

Nell’ambiente si comincia a parlare di Wozniak e Jobs che stanno lavorando a nuove invenzioni informatiche, e così un ex dipendente di Intel li contatta per offrirgli un finanziamento affinché possano sviluppare ulteriormente le loro idee. I due informatici, così, approntano una sorta di piccola catena di montaggio nel garage della casa di Jobs, e proprio in questo luogo costruiscono dei dispositivi decisamente più precisi e sofisticati come Apple II, Lisa e il Macintosh 128K. Quest’ultimo, presentato quando Apple aveva già un suo stabilimento, è il trampolino di lancio per il successo mondiale dell’azienda.

Steve Wozniak però fin da ragazzo non ha mai avuto una grande propensione per il business e l’alta finanza. Di conseguenza, già nel 1985 preferisce lasciare la gestione di Apple nelle mani di Steve Jobs che, da quel momento, fa della società di Cupertino uno dei pilastri della tecnologia mondiale. Invece il «Mago Woz» può dedicarsi maggiormente agli hobby che da sempre lo interessano, infatti sostiene e finanzia eventi di musica rock e convention di fumetti.

Steve Wozniak: compie gli anni il co-fondatore di Apple.

Naturalmente non dimentica la sua attività da genio dell’informatica, difatti continua a progettare e brevettare nuovi dispositivi con il supporto di Apple, di cui è azionista ancora oggi. I proventi provenienti dalla multinazionale della mela morsicata gli permettono di avere una vita agiata, tenendosi fuori dallo stress e dai numerosi impegni dell’attività imprenditoriale. D’altronde, non ha mai nascosto di preferire la libertà creativa alla vita aziendale.

Il 5 ottobre 2011 moriva Steve Jobs: il fondatore della Apple

Qualcuno lo ha definito come una sorta di alter-ego di Steve Jobs. Quest’ultimo, per tutta la sua vita – fino alla prematura scomparsa nel 2011 – si è dedicato completamente alla sua creatura, mentre Steve Wozniak, pur essendo un genio nel suo campo, non ha mai trascurato il tempo libero e le proprie passioni. Inoltre ha sempre cercato di venire incontro ai giovani sviluppatori di talento che, per concretizzare i propri lavori, necessitano di un apporto finanziario.

Commenti