Stellantis auto 2022-26: cinque Alfa e il ritorno della Lancia Delta

Il Gruppo Stellantis sarebbe pronto a lanciare cinque nuove Alfa Romeo dal 2022 al 2026. Inoltre sarebbero in fase avanzata i lavori relativi al ritorno della Lancia Delta sul mercato.

0
578
Stellantis auto piano 2022-26
Stellantis punta a lanciare 5 Alfa Romeo e la Lancia Delta dal 2022 al 2026.

Con l’inizio del nuovo anno, Stellantis presenterà ufficialmente il rinnovato piano industriale. Intanto emergono le prime anticipazioni su quelle che sono le intenzioni del Gruppo automobilistico internazionale per le prossime vetture. Automotive News ha riportato che il piano Stellantis auto per il 2022-26 prevede importanti novità per Alfa Romeo e Lancia.

Gli amministratori delegati di Alfa e Lancia, rispettivamente Jean-Philippe Imparato e Luca Napolitano, durante un recente incontro con i concessionari avrebbero già delineato i progetti per il futuro. Imparato avrebbe rivelato che l’azienda del Biscione starebbe pensando in grande, con il lancio di una nuova vettura all’anno a partire dal 2022. Napolitano, invece, avrebbe confermato il ritorno della Lancia Delta.

Il progetto Stellantis auto, dunque, se davvero prevede l’approdo sul mercato di un nuovo modello di Alfa all’anno dal 2022 al 2026, significa che la gamma conterà su cinque vetture del tutto inedite.

Stellantis auto: quali progetti per Alfa Romeo e Lancia nel 2022-2026?

Quasi certamente due delle prossime vetture Alfa andranno a sostituire Giulia e Stelvio. Sicuramente ci sarà la Tonale, e poi sarebbero in fase embrionale altre due automobili completamente nuove. Stando agli ultimi rumors, una di queste dovrebbe essere una sportiva.

Il programma Stellantis auto prevede che i prossimi veicoli vengano costruiti su piattaforma Stla. Questa, infatti, verrà utilizzata per i modelli del segmento Premium, nel quale rientrano proprio Lancia e Alfa Romeo, insieme ai vari brand di DS.

Stellantis eCommerce: in Italia unica piattaforma per tutte le auto del Gruppo

Imparato, intanto, ha già provveduto ad evidenziare come, a partire dal 2027, in casa Alfa si lavorerà soltanto su auto elettriche. La stessa cosa accadrà in Lancia dal 2026, con il marchio che cercherà anche di espandersi maggiormente all’estero, ovvero in quei Paesi in cui le vetture EV godono già di un mercato piuttosto ampio.

A proposito di Lancia, si sapeva che l’azienda stava lavorando per offrire un parco auto più ampio dell’attuale. Dunque, oltre alla Ypsilon, quasi certamente tornerà sotto i riflettori la Delta, e non si esclude che possa arrivare anche una terza nuova vettura “di nicchia”, sulla scia di grandi nomi del passato come la Fulvia coupé, la Stratos o la Beta Montecarlo.