Stazione Tiburtina InTransito: fermata del viaggio inclusivo

Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso pubblico Contemporaneamente Roma 2020 - 2021 - 2022, curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE

0
203
Alla stazione Tiburtina InTransito
Arte e sostenibilità alla stazione Tiburtina

Torna a Roma stazione Tiburtina InTransito, dal 6 al 12 dicembre, dalle 13 alle 19. Per questa seconda edizione il tema guida è “Viaggiare in Italia e in Europa in modo sostenibile, creativo ed inclusivo”. L’evento è prodotto dall’associazione culturale “Music theatre international” in collaborazione con Grandi Stazioni Retail e il supporto del Gruppo ferrovie dello Stato.


Alla stazione Tiburtina “InTRansito” e creatività


Alla stazione Tiburtina InTransito coinvolge il pubblico di viaggiatori?

Dopo il successo della prima edizione, svoltasi a maggio, sarà proposto al pubblico di viaggiatori e romani un ricco calendario di attività. Una serie di esperienze coinvolgenti, interattive e partecipative sul tema del “il viaggio circolare della vita”. L’argomento dell’iniziativa è diventato un’installazione dell’artista Sergio Gotti. Sono poi in programma le “escursioni girovaghe” di viaggiatori dal passato e dal futuro e il “social wall” interattivo e mappe fisiche. Durante l’evento saranno proposti “I 7 viaggi nella creatività”, video interviste inedite a grandi artisti italiani e i laboratori per bambini. Inoltre, saranno esposte le opere vincitrici del Contesteco 2021 e presentato il reportage dell’EYR2021 e del Connecting Europe express.

Il programma del festival InTransito

Le attività si svolgeranno nello spazio di 300 mq di Grandi stazioni retail, nella galleria commerciale al secondo piano della stazione Tiburtina. Ci saranno escursioni “girovaghe” di personaggi in costume, storici e di fantasia che si muoveranno nell’area di sosta del treno. Focus geografico di questa seconda edizione l’Italia e l’Europa, ma il pubblico sarà condotto anche attraverso altre dimensioni del viaggio. Il percorso diventa esperienza “creativa” e rigenerante della mente e del corpo, delle nostre capacità relazionali. La progettualità terrà in considerazione anche il tempo, mettendo in rapporto la lentezza e la velocità, la realtà e la fantasia.

Le escursioni girovaghe

La galleria commerciale e altri spazi della stazione si animeranno, in orari definiti, con la comparsa di cinque personaggi in costume. Ci saranno Dante Alighieri, in omaggio ai 700 anni dalla morte del Sommo Poeta che fece il viaggio della “Commedia” e Johann Wolfgang von Goethe. Il pubblico potrà vedere anche Nellie Bly, giornalista americana che viaggiò intorno al mondo in 72 giorni e attraversò parte dell’Europa e tutta l’Italia in treno. Inoltre, passeggeranno nei pressi dei binari il Viaggiatore Magico e Charlot, per un ulteriore incontro con la fantasia. Interpretano le personalità del passato quattro performer: Diana Forlani, Yari Croce, Alessandro Onorati, Diego Migeni.

Alla stazione Tiburtina InTransito e laboratori per bambini

Aziza Essalek e Gherardo Dino Ruggiero organizzano i laboratori per bambini di età compresa tra i 6 e i 12. Sono appuntamenti articolati in 4 incontri in cui imparare a conoscere in modo creativo e intuitivo l’Italia e l’Europa. Sarà anche predisposto ogni giorno un cineforum per guardare insieme i filmati dei “7 Viaggi nella creatività – Inconsupertrafra”. Un progetto promosso da Comune di Roma, ETI e Palaexpo per la direzione artistica di Maddalena Fallucchi. Sono video-interviste inedite registrate dal vivo al Teatro Valle nel 2005. Partecipano: Omar Galliani per le arti figurative, Nicola Piovani, musica, Marco Lodoli, scrittura, Maddalena Crippa, teatro, Mario Sasso, video arte. Ci sono anche Mimmo Calopresti per il cinema e  Carla Fracci per la danza. Si tratta di un amarcord che #InTransito propone quale omaggio agli artisti e in particolare alla ballerina, recentemente scomparsa.

Evento che rientra nel calendario dell’Anno europeo delle ferrovie

#InTransito dedicherà uno spazio al racconto dell’Anno europeo delle Ferrovie e al Connecting Europe Express. Il treno che dal 2 settembre al 7 ottobre ha attraversato l’Europa, partendo da Lisbona e concludendo il suo viaggio a Parigi, è passato anche per Roma. Infine, grazie alla collaborazione col Touring club italiano Grand Tour, saranno disponibili per il pubblico mappe fisiche e altri contributi digitali. Sono materiali sull’itinerario del Viaggio in Italia di Goethe e immagini storiche di viaggi del TCI che valorizzano il concetto della mobilità sostenibile. Il pubblico sarà invitato a lasciare contributi e a costruire “staffette virtuali” di viaggio.

Stazione Tiburtina InTransito: le esposizioni

In virtù del gemellaggio con l’evento “Fai la Differenza, c’è… il Festival della Sostenibilità” #InTransito ospiterà le opere vincitrici di ContestEco. Il contest d’arte e design sostenibile più eco del web ha coinvolto artisti e appassionati d’arte da tutta Italia. La finalità era realizzare opere in linea col concept dell’edizione dell’evento, “Inferno, Purgatorio e Paradiso: scenari attuali e futuri di transizione”. Il pubblico può poi interagire col Social Wall, una mappa digitale dell’Europa su maxischermo touch. Sul pannello saranno visualizzati i contributi video dei “sustainable traveler” che avranno risposto alla call dell’evento. Hanno infatti condiviso racconti ed esperienze di viaggio sul significato oggi degli spostamenti sostenibili ed etici.

La capsula del tempo

“Il viaggio circolare della vita” è l’installazione di Sergio Gotti. La seconda edizione di #InTransito avrà come protagonista l’artista di fama internazionale. La “capsula del tempo”, già proposta nella prima edizione, sarà reinventata dal creativo in un’istallazione originale. Un tunnel percorribile in cartone, lungo circa 6m, al quale si accederà attraverso un gate che darà inizio a un “viaggio” ideale. L’allestimento interno offrirà l’interazione con contributi video e audio a cura di Linda Bagalini. All’uscita del tunnel il visitatore troverà altre sculture, realizzate anch’esse in cartone e a grandezza naturale. Sono un albero, bambini e una figura antropomorfa. L’opera vuole rappresentare il percorso della vita, il legame con la Madre Terra, da cui le piante, con le loro radici, attingono l’energia.

Immagine da cartella stampa.