Stati Uniti: la seconda ondata potrebbe essere molto pericolosa

0
669
Stati Uniti: la seconda ondata potrebbe essere molto pericolosa

Una seconda ondata di casi negli Stati Uniti potrebbe essere persino peggiore della prima, ha avvertito il principale funzionario sanitario del Paese.

LEGGI ANCHE: USA: stop momentaneo all’immigrazione

Pericolo seconda ondata negli USA

Il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), Robert Redfield, ha affermato che il pericolo di una seconda ondata è molto alto. Un nuovo focolaio potrà coincidere con la stagione influenzale. “Potrebbe mettere a dura prova il sistema sanitario americano”, ha affermato.

Fino a questo momento, gli Stati Uniti contano oltre 800.000 casi, il numero più alto al mondo. Sono più di 45.000 i morti finora negli Stati Uniti, secondo un conteggio tenuto dalla Johns Hopkins University.

La California ha avuto il più alto aumento in un giorno di nuovi casi lunedì, mentre il New Jersey, lo stato americano con più casi dopo New York, ha visto il suo più alto aumento di morti in un giorno.

Altri sviluppi negli Stati Uniti

Il presidente Trump ha momentaneamente interrotto le domande di green card statunitensi, che danno agli immigrati la residenza permanente legale e l’opportunità di richiedere la cittadinanza americana.

I primi casi di Coronavirus della California sono meno recenti di quanto si pensasse, hanno confermato i funzionari sanitari. Un esame post mortem ha rivelato che una persona morta a casa il 6 febbraio nella contea di Santa Clara è ora il primo caso negli Stati Uniti. Fino ad ora, si pensava che fosse un uomo morto il 26 febbraio nello stato di Washington.

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità 484 miliardi di dollari per fronteggiare l’emergenza e i fondi progettati per aiutare le piccole imprese. La Camera dei rappresentanti potrebbe approvare la legislazione giovedì.

L’influenza invernale e il virus

In un’intervista con il Washington Post , Redfield ha affermato che “esiste la possibilità che l’assalto del virus alla nostra nazione il prossimo inverno sarà effettivamente ancora più difficile di quello che abbiamo appena attraversato”.

Ha invitato i funzionari degli Stati Uniti a prepararsi per la possibilità di dover affrontare contemporaneamente un’influenza e un’epidemia di Coronavirus in una seconda ondata.

Redfield ha sottolineato l’importanza di ottenere vaccini antinfluenzali. Ha detto che il vaccino “potrebbe consentire la disponibilità di un letto d’ospedale per tua madre o tua nonna che potrebbe avere il Coronavirus”.

Il capo del CDC ha affermato che il Coronavirus era arrivato negli Stati Uniti mentre la regolare stagione influenzale si stava placando. Ha sostenuto che se fosse arrivato al culmine della stagione dell’influenza invernale, “avrebbe potuto essere davvero, davvero, davvero molto difficile”.