Lo Spread schizza in alto e supera i 100 punti base

Balzo in alto dello Spread nella giornata del 2 marzo: il differenziale BTP-Bund tedeschi ha superato quota 100 punti base, ripetendo quanto accaduto a febbraio quando si era verificata la crisi del secondo Governo Conte.

0
367
Spread dati 2 marzo
Spread in rialzo martedì 2 marzo.

Balzo in alto dello Spread BTP-Bund nella giornata del 2 marzo. La percentuale si è innalzata del 2,85%, sfondando il muro dei 100 punti base e assestandosi intorno ai 102,46. Una situazione simile a quella che si era verificata a febbraio quando il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva deciso come superare la crisi del secondo Governo Conte. In quella circostanza, il Capo dello Stato aveva contattato Mario Draghi per affidargli l’incarico di trovare una nuova maggioranza per formare un altro esecutivo.

Gli esperti di finanza ritengono che quest’ennesimo rialzo dello Spread sia legato ad un certo pessimismo sui dati dell’inflazione dell’area euro. Non a caso, proprio il 2 marzo sono stati divulgati i numeri sull’inflazione nell’Eurozona che, tenendo conto delle prime analisi di Eurostat, sarebbe andata incontro ad un incremento dello 0,2% a gennaio. In merito alla base annua, invece, la crescita sarebbe dello 0,9%.

Spread in rialzo, ma i BTP hanno superato i Bund tedeschi

Il rendimento decennale dello Spread viene dato in crescita di 0,4 punti, con un conseguente incremento dello 0,66%. Il salto in alto del differenzialte tra BTP e Bund tedeschi pare sia causato ancora una volta dagli elementi più volatili del dato: mettendo da parte i prezzi di prodotti alimentari e del comparto energia, il rallentamento del dato core è passato dall’1,4% all’1,1% e anche in questa circostanza è legato agli effetti del lockdown che vanno a ribassare i prezzi.

Borsa in rosso, spread in rialzo

Analizzando invece la situazione dei BTP, Jim Reid, managing director di Deutsche Bank, ha riportato che, seppur con una tendenza al negativo (-0,8%) i titoli di Stato italiani sono riusciti a sopravanzare altri bond. La loro performance a gennaio e febbraio è stata migliore di quella dei Bund tedeschi e dei Gilt, ossia i titoli di Stato del Regno Unito. Attualmente i tassi decennali inerenti i BTP vengono segnalati intorno allo 0,71%.