Un altro ciclone in arrivo nel weekend. Già su Venerdì 17 è atteso l’arrivo di una nuova PERTURBAZIONE che porterà sin dal mattino alcune piogge limitate al Nord Ovest come sul Piemonte, la valle d’Aosta e la Lombardia montuosa.

Fra il pomeriggio e la sera il peggioramento si sposterà lentamente verso il Nord Est. Sarà il preludio ad un ulteriore e serio peggioramento atteso fra SABATO E DOMENICA quando avremo l’ennesimo WEEKEND da incubo, l’ITALIA infatti verrà TRAVOLTA dall’ennesimo CICLONE con TEMPORALI e GRANDINE su molte regioni. Vediamo dunque nel dettaglio DOVE colpirà il brutto tempo.

La formazione di un FREDDO Ciclone sull’Italia infatti, ci proietterà verso un Sabato 18 dove il risveglio sarà caratterizzato da uno spesso e minaccioso tappeto di nubi impegnate a dispensare rovesci sparsi e TEMPORALI praticamente su tutte le regioni settentrionali in particolar modo su basso Piemonte, Lombardia meridionale, Emilia e sulla fascia più meridionale del Veneto. Tornerà a cadere un po’ di neve sulle Alpi, sopra i 1600/1700 metri. 

Anche il Centro verrà coinvolto da piogge e temporali, soprattutto la Toscana e a seguire anche le Marche, l’Umbria e tutto il Lazio, con forti rovesci possibili anche su Roma. 

Il tempo sarà infine spiccatamente instabile anche al Sud, con possibilipiovaschi fra la Campania e la Puglia settentrionale. 

Torneranno a crollare i termometri al Nord e su alcuni tratti del Centro, mentre solo al Sud le temperature risulteranno in aumento.

Arriviamo così alla giornata di Domenica 19, anch’essa destinata ad essere rovinata dal brutto tempo e ancora una volta soprattutto al Nord, dove il vortice di bassa pressione comincerà a richiamare aria più fredda, provocando una rinnovata fase di maltempo, all’insegna di rovesci e locali temporali. 

Andrà solo un po’ meglio invece al Centro, dove si avranno alcune schiarite, ma anche diverse precipitazioni, specie su Toscana, Umbria e Marche. 

Al Sud, dove un maggior irraggiamento solare garantirà un contesto climatico decisamente più consono alla stagione, ma anche qui niente di trascendentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here