Spara e uccide un uomo durante una lite: arrestato l’assessore (leghista) di Voghera

0
147
Spara e uccide

Spara e uccide un uomo dopo una lite: arrestato l’assessore alla sicurezza del comune di Voghera.

Assessore Leghista Spara e uccide un uomo di nazionalità straniera, Youns El Boussetaoui,  è morto nella notte all’ospedale di Voghera (Pavia) dopo essere stato ferito da un colpo di pistola esploso dalla pistola dell’assessore alla sicurezza del comune di Voghera, Massimo Adriatici, con cui aveva avuto una lite. Il ferito era stato trasportato al pronto soccorso: poi le sue condizioni si sono aggravate sino al decesso. Adriatici è stato arrestato dai carabinieri e posto ai domiciliari.

Adriatici è stato arrestato per omicidio doloso e l’iscrizione nel fascicolo aperto dall’autorità giudiziaria è per “eccesso colposo in legittima difesa”. Il sindaco di Voghera, Paola Garlaschelli, che dall’ottobre scorso guida il Comune oltrepadano, ha annunciato che Adriatici si è “autosospeso” dalla giunta.

Voghera (Pavia) – Schianto auto Tir Muoiono coppia Salvo il bimbo di 6 mesi

Voghera (Pavia) – Ricoverate due bimbe per varicella : non erano vaccinate

Operazione “Piazza Pulita”: truffa ai danni di Ente Pubblico arrestate 6 persone

La ricostruzione – Uno spintone, durante la lite con la vittima, davanti a un bar in piazza Meardi, avrebbe fatto cadere per terra Adriatici e in quel mentre sarebbe partito un colpo, uno solo, ma fatale. Indagano i carabinieri di Pavia, ai quali l’assessore ha appunto raccontato di aver sparato involontariamente, che il colpo sarebbe partito dalla sua arma, regolarmente detenuta, accidentalmente.

In un’intervista affermava: uso delle armi “extrema ratio” – Massimo Adriatici, originario di Voghera, è assessore alla Sicurezza del Comune oltrepadano da ottobre del 2020. Eletto nelle file della Lega, è titolare di uno studio di avvocatura molto noto. Dal suo profilo Facebook, risulta “docente di diritto penale e procedura penale presso Scuola allievi agenti Polizia di Stato Alessandria” ed “ex docente dell’Università del Piemonte Orientale”.

In un’intervista alla Provincia Pavese del 29 marzo 2018 affermava che “L’uso di un’arma deve essere giustificato da un pericolo reale, per la persona che la usa, per le sue proprietà o quelle altrui. Ma questo non significa farsi giustizia da soli. Ovvero, la legittima difesa si configura se sparo per evitare che qualcuno spari a me, o non ci sono altro mezzi per metterlo in fuga ed evitare che rubi. Sparare deve essere l’extrema ratio, l’ultima possibilità da mettere in atto se non ne esistono altre”.