Domani pomeriggio alle ore 15:00 la SPAL ospiterà il Crotone allo stadio Paolo Mazza di Ferrara, per quello che sarà un vero e proprio duello cruciale in ottica salvezza, nonostante siamo ancora alla settima giornata del girone d’andata di Serie A. Neopromossi in massima serie dopo poco meno di cinquant’anni trascorsi nelle serie inferiori, gli estensi avevano cominciato più che bene il loro cammino tra i grandi, con un pareggio per 0-0 con la Lazio all’Olimpico e un successo al fotofinish per 3-2 ai danni dell’Udinese tra le mura amiche, ma si sono poi persi per strada, raccogliendo quattro sconfitte nelle successive quattro gare disputate, rispettivamente per 2-0 contro il Cagliari in casa e contro Inter e Milan a San Siro e per 3-2 al Mazza al cospetto del Napoli. Ritrovare i tre punti, dunque, è la parola d’ordine per gli uomini guidati da mister Semplici, che attualmente occupano la quindicesima posizione in classifica, con appena due lunghezze di vantaggio sul terzultimo posto. Vincere, però, è anche l’obiettivo del Crotone, che dopo aver centrato il suo primo successo stagionale contro un’altra neopromossa, il Benevento, e aver fermato il Verona sullo 0-0, punta a ripetersi in quel di Ferrara. Le squadre neopromosse sono le uniche contro cui fin qui i rossoblu non hanno ancora perso nemmeno un punto.

Dopo aver portato a casa un solo punto nelle prime cinque giornate (un pareggio e quattro sconfitte), i calabresi hanno ritrovato il sorriso allo Scida contro le Streghe e ora non intendono porre freni alla propria risalita, nonostante le enormi difficoltà palesate in quest’avvio di stagione. Di certo non sarà affatto facile per i ragazzi di Nicola fare risultato in casa della SPAL, ma al contempo anche i padroni di casa dovranno prestare notevole attenzione alle numerose insidie con cui potrebbero fare i conti nel pomeriggio di domani. Al Paolo Mazza ferraresi e calabresi si sfideranno per la prima volta assoluta nel corso della loro storia: prima di quest’anno, infatti, non si erano mai incontrati, nemmeno in Coppa Italia. Una gara dal sapore speciale, un vero e proprio appuntamento con la storia per due società che hanno toccato il cielo con un dito dopo aver fatto i conti per tanti anni con la dura realtà delle serie inferiori.

La sfida, inoltre, offre statistiche a dir poco interessanti, incroci del destino e dati piuttosto intriganti. Una su tutte riguarda Alfred Gomis, portiere che fin qui ha difeso la porta della SPAL in sostituzione dell’infortunato Meret, protagonista della scalata degli estensi dalla Serie B alla Serie A. Il classe ’93 senegalese con cittadinanza italiana è di proprietà del Torino e nel 2013-2014 ha debuttato tra i professionisti proprio con la maglia del Crotone, con cui scende in campo in 41 occasioni tra campionato, playoff e Coppa Italia. Il 24enne, inoltre, è l’estremo difensore che ha effettuato più parate fino a questo momento, ben 31, primato condiviso con il portiere brasiliano del Verona Nicolas. Un altro degli ostacoli principali per i pitagorici sarà Federico Viviani, specialista dei calci di punizione e reduce da un gol proprio su punizione contro il Napoli: il centrocampista ha segnato ben quattro volte in questa maniera negli ultimi tre campionati, risultando soltanto alle spalle di Dybala e Pjanic (entrambi a quota sei) nella speciale classifica dei tiratori infallibili di punizioni dal 2015-2016 ad oggi.

Per ciò che concerne i possibili schieramenti di SPAL e Crotone, da un lato Semplici dovrà ancora fare a meno di Meret, Oikonomou e Floccari e confermerà dunque Gomis tra i pali, con Salamon, Vicari e Felipe che dovrebbero comporre la difesa a tre e Antenucci che appare favorito su Paloschi per far coppia con Borriello in attacco. A centrocampo, invece, saranno Schiattarella e Viviani a formare il trio con capitan Mora, con Lazzari e Costa sulle corsie esterne. Dall’altro lato, invece, Nicola si affiderà al tandem d’attacco Trotta-Budimir, dovendo fare a meno del giovane Tumminello e del bulgaro Tonev. Sampirisi, Ceccherini, Ajeti e Martella sono i quattro difensori a protezione dell’insostituibile Cordaz tra i pali, mentre a centrocampo spazio a Rohden e Stoian sulle fasce e Mandragora e Barberis in mezzo. Diamo un’occhiata alle formazioni delle due squadre nel dettaglio.

SPAL (3-5-2): Gomis; Salamon, Vicari, Felipe; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Mora, Costa; Borriello, Antenucci. All. Semplici

CROTONE (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ceccherini, Ajeti, Martella; Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian; Budimir, Trotta. All. Nicola

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here