Spagna: polizia protesta contro riforma della legge sulla sicurezza

0
272
Spagna: polizia protesta

La polizia in Spagna è scesa in piazza per protestare contro le modifiche della riforma della legge sulla sicurezza. La legge, introdotta nel 2015, venne soprannominata “legge bavaglio” dagli oppositori in quanto limitava le manifestazioni e non permetteva di fotografare i poliziotti. Ora il governo di sinistra ha proposto delle modifiche, accolte con disappunto dai poliziotti. Secondo la polizia le modifiche della legge ostacoleranno la loro capacità di svolgere il proprio lavoro. Tuttavia, secondo i partiti di estrema sinistra la legge del 2015 ha fatto “molti danni alla democrazia spagnola”.

Perché la polizia è scesa in piazza in Spagna?

In Spagna migliaia di agenti di polizia sono scesi in piazza per protestare contro una proposta di riforma di una legge sulla sicurezza che, secondo loro, ostacolerà la loro capacità di svolgere il proprio lavoro. La legge sulla sicurezza in questione venne introdotta nel 2015 dal governo Rajoy. Soprannominata la “legge bavaglio” da coloro che vi si oppongono, la legislazione consente alle autorità di multare le organizzazioni dei media per aver distribuito immagini non autorizzate della polizia, limita rigorosamente le manifestazioni e impone pesanti multe per i trasgressori.

Ora il governo di sinistra ha proposto delle modifiche. Nella nuova revisione della legge sono ridotti i limiti alla diffusione di video e immagini. Non è quindi più classificato come reato grave scattare fotografie o registrare la polizia durante le manifestazioni. Ma non è tutto. Nelle modifiche è anche introdotta la possibilità di organizzare manifestazioni non autorizzate ed è ridotta da 6 a 2 ore la custodia cautelare di un manifestante. In base alle modifiche, la polizia dovrà anche utilizzare materiali meno dannosi, le perquisizioni saranno limitate per impedire che la persona sia denudata o denigrata dagli agenti. Inoltre gli agenti dovranno riportare la persona sul luogo dell’arresto una volta liberata. Questo ultimo punto ha trovato una grande opposizione da parte dei poliziotti, i quali affermano che li obbligherebbe a svolgere la funzione di “tassisti”.


Leggi anche: Spagna annuncia trattamenti di fertilità gratuiti per le persone LGBTQ+