Soros. Europa mantenga i nervi saldi: Russia non ha flessibilità stoccaggio del gas 

0
459
Soros.

Soros. “L’Europa mantenga i nervi saldi, la Russia non ha flessibilità nel suo stoccaggio del gas e non ha i mezzi per deviarlo dall’Europa, ad esempio, all’Asia. A causa della mancanza di infrastrutture di gasdotti”. Secondo l’investitore miliardario George Soros, la posizione contrattuale del presidente russo Vladimir Putin “non è così forte come pretende”. E l’Europa ha una leva contro di lui.

Soros. Perchè l’Europa deve mantenere i nervi saldi?

ll miliardario e filantropo George Soros ha esortato l’Europa a ribaltare la situazione sul presidente russo Vladimir Putin. Accelerando la sua indipendenza dal gas russo. Pertanto la Russia dovrà ricorrere alla chiusura dei pozzi di gas siberiani senza il suo mercato europeo. Poiché la capacità di stoccaggio della nazione sta raggiungendo il limite. Questa è la strategia che Soros ha spiegato in una lettera al primo ministro italiano Mario Draghi. Che considera il leader europeo di riferimento per la sua “leadership” e “immaginazione, durante una cena al World Economic Forum di questa settimana a Davos. “Putin sta ovviamente ricattando l’Europa minacciando o trattenendo effettivamente il gas”, ha scritto Soros a Draghi. Ciò ha creato una carenza, aumentato i prezzi e gli ha fatto guadagnare molti soldi. Ma la sua posizione contrattuale non è così forte come pretende. Si stima che la capacità di stoccaggio russa sarà completa entro luglioL’Europa è il suo unico mercato. Se non rifornisce l’Europa, deve chiudere i pozzi in Siberia da dove arriva il gas. Sono coinvolti circa 12.000 pozzi. Ci vuole tempo per spegnerli e, una volta spenti, è difficile riaprirli a causa dell’età delle apparecchiature”.

Rendere l’Europa indipendente dal gas russo

Tuttavia l’UE è un mercato molto importante per il Cremlino e Putin ha bisogno delle entrate del gas per sostenere la sua economia. Ma “l’Europa dovrebbe intraprendere preparativi urgenti prima di utilizzare il suo potere contrattuale“, ha avvertito Soros. “Senza di esso, il dolore di un’interruzione improvvisa sarebbe politicamente molto difficile da sopportare”. Leon Izbicki, un associato di Energy Aspects, concorda sul fatto che lo stoccaggio di gas della Russia è quasi esaurito. “La Russia è entrata lo scorso inverno con scorte record di circa 72,6 miliardi di metri cubi e punta a un obiettivo di stoccaggio sotterraneo ancora più alto per l’inverno 2022 di 72,7 miliardi di metri cubi”, ha aggiunto Izbicki. “Anche se non abbiamo visibilità sui depositi sotterranei russi, sembra plausibile che la Russia possa raggiungere questo obiettivo già quest’estate”.


Leggi anche – Invasione Ucraina e blocco cinese: l’era della scarsità per l’economia globale