Solitudine, può far invecchiare più velocemente (Studio)

0
422

Essere in solitudine e sentirsi infelici può accelerare il processo di invecchiamento più del fumo, secondo un recente articolo pubblicato su Aging-US.

Un nuovo studio sulla solitudine

“Dimostriamo [che] fattori psicologici, come sentirsi infelici o soli, sommano fino a un anno e otto mesi alla propria età biologica”, ha affermato l’autore principale Dr. Fedor Galkin, direttore dello sviluppo del business scientifico presso Deep Longevity a Hong Kong, secondo una dichiarazione. L’effetto aggregato supera gli effetti del sesso biologico, dell’area di vita e dello stato civile e del fumo”, ha affermato. “Concludiamo che la componente psicologica non dovrebbe essere ignorata negli studi sull’invecchiamento a causa del suo impatto significativo sull’età biologica”.

Ognuno ha un’età cronologica che è determinata dalle loro date di nascita, secondo il giornale

Ma abbiamo anche un “orologio dell’invecchiamento” che è influenzato dalla nostra genetica , dalle scelte di vita e dall’ambiente, aggiunge il rapporto. Il team di ricerca internazionale ha notato che il danno molecolare si accumula con l’età, il che contribuisce allo sviluppo di malattie. Ma per alcune persone, il processo di invecchiamento si muove più rapidamente e viene definito “invecchiamento accelerato”.

I ricercatori hanno sviluppato un orologio dell’invecchiamento

Basato sui pannelli del sangue del set di dati CHARLS (China Health and Retirement Longitudinal Study) per definire l’età biologica in un campione di adulti cinesi. CHARLS è uno studio nazionale che include una popolazione cinese di età superiore ai 45 anni; include informazioni sullo stato sociale ed economico dei partecipanti, storia sanitaria, dati biometrici e campioni di sangue.

studio sulla solitudine: invecchiamento riuscito

Gli autori hanno notato che la Cina ha la percentuale più bassa di “agenti di successo” tra i paesi dell’Asia orientale. “Un anziano di successo è una persona di età superiore ai 65 anni senza gravi disabilità e con normali funzioni cognitive e impegno sociale”, secondo lo studio. A causa della grande popolazione cinese, il numero di persone con più di 65 anni in Cina è più alto rispetto al numero di persone con più di 65 anni in tutta Europa, quindi lo studio osserva che “la comprensione dell’invecchiamento in Cina può quindi fornire importanti spunti sull’invecchiamento nel mondo.” I ricercatori hanno sviluppato un nuovo “orologio dell’invecchiamento” con dati ematici e biometrici di 11.914 adulti cinesi.

Che cos’è un “orologio di invecchiamento”?

“Un orologio che invecchia è un modello digitale di invecchiamento [basato] su migliaia di campioni umani”, ha detto Galkin a Fox News Digital. “Impara a identificare le impronte dell’invecchiamento ispezionando i profili dei biomarcatori annotati con l’età cronologica”. Ha spiegato che “l’orologio dell’invecchiamento” può stimare l’età di una persona osservando i biomarcatori di quella persona. Ha osservato che “se una persona è riconosciuta da questo modello come una persona anziana, i suoi processi di invecchiamento molecolare sono accelerati”.

Fattori che accelerano l’età come la solitudine

Lo studio ha scoperto che le persone con una storia di ictus, malattie del fegato e dei polmoni, così come i fumatori, avevano un invecchiamento accelerato. Ma ha anche scoperto che uno “stato mentale vulnerabile” può accelerare l’invecchiamento.

Sentirsi senza speranza, infelici e in solitudine

Ha aumentato la propria età biologica più del fumo, secondo il comunicato stampa del gruppo. Ha inoltre rilevato che l’essere single e vivere in una zona rurale (e di fronte alla mancanza di servizi medici adeguati) erano anche legati all’accelerazione dell’invecchiamento. “Gli stati mentali e psicosociali sono alcuni dei più robusti predittori dei risultati sulla salute e della qualità della vita”, ha affermato un coautore del nuovo studio, “ma sono stati in gran parte omessi dalla moderna assistenza sanitaria”.

I limiti dello studio sulla solitudine

Lo studio rileva che una limitazione era il metodo di indagine: ai partecipanti sono state poste domande sul loro benessere psicologico classificando la frequenza di determinati sentimenti o problemi durante la settimana precedente. Un’altra limitazione dello studio era che la ricerca includeva solo partecipanti che facevano parte di una popolazione adulta cinese più anziana, quindi i risultati del nuovo studio devono essere replicati in una popolazione occidentale comparabile, ha detto Galkin a Fox News Digital. “In combinazione con il nostro studio precedente, ora abbiamo un modo per migliorare il proprio potenziale di longevità utilizzando solo misure comportamentali”, ha aggiunto Galkin.

La diagnosi precoce dell’invecchiamento accelerato può avere applicazioni nel mondo reale

Per “aiutare a prevenire l’insorgenza di malattie legate all’invecchiamento o trovare modi per rallentare l’invecchiamento. Questo concetto è stato implementato in FuturSelf.AI, che abbiamo intenzione di perfezionare in seguito.” FuturSelf.AI offre una valutazione gratuita sull'”età psicologica” di un utente. Deep Longevity di Hong Kong lo ha rilasciato all’inizio di quest’anno. La diagnosi precoce dell’invecchiamento accelerato può avere applicazioni nel mondo reale per “aiutare a prevenire l’insorgenza di malattie legate all’invecchiamento o trovare modi per rallentare l’invecchiamento”, ha affermato Galkin a Fox News Digital.

L’orologio dell’invecchiamento dello studio potrebbe anche motivare modi futuri

Per “rallentare o addirittura invertire l’invecchiamento psicologico su scala nazionale”, ha aggiunto il coautore Dr. Alex Zhavoronkov, CEO di Insilico Medicine, che si trova a Hong Kong e New York, in una stampa pubblicazione. Gli autori concludono che il modo in cui invecchiamo è sfumato. L’invecchiamento è determinato non solo da fattori fisici, ma anche in una certa misura dal nostro benessere emotivo e dal nostro stato sociale. “Abbiamo interpretato l’età biologica come un indicatore dello stato generale di salute e dimostriamo che i sentimenti positivi (felicità, speranza, sicurezza) hanno un impatto significativo sulla prima”, afferma il giornale. “I risultati dello studio supportano ulteriormente la necessità di compagnia e di un ambiente psicologicamente piacevole per una sana longevità”.