Soldati israeliani uccidono adolescente palestinese in Cisgiordania

0
206

Imad Khaled Saleh Hashash, 15 anni, è morto dopo aver subito una ferita da arma da fuoco alla testa da parte di soldati israeliani. E’ in aumento il numero di eventi in cui soldati israeliani uccidono bambini palestinesi.

Perchè i soldati israeliani uccidono i bambini?

Un palestinese di 15 anni è stato ucciso da colpi di arma da fuoco israeliani nella Cisgiordania occupata mentre le forze israeliane hanno preso d’assalto un campo profughi vicino a Nablus. Il ministero della salute palestinese ha detto che Imad Khaled Saleh Hashash è morto martedì dopo aver subito una ferita da arma da fuoco alla testa nel campo profughi di Balata. L’esercito israeliano ha affermato di aver condotto un’operazione notturna nel campo per catturare “un sospetto”. “Durante la missione, munizioni vere sono state sparate contro le truppe dai tetti. Le truppe hanno risposto con il fuoco verso le fonti della sparatoria” si legge in una nota.

La dichiarazione di Hamas

Hamas, il gruppo che governa la Striscia di Gaza, ha rilasciato una dichiarazione per piangere la morte di Hashash, secondo quanto riportato dai media palestinesi. Hamas ha anche lodato i palestinesi del campo di Balata per essersi opposti alle forze israeliane durante il raid. Secondo l’esercito israeliano, durante l’operazione sono scoppiati disordini, con i residenti che hanno lanciato blocchi di cemento e altri oggetti dai tetti contro i soldati israeliani. “Durante la rivolta, un certo numero di soldati ha avvistato un sospetto su un tetto con un grosso oggetto tra le mani, mentre tentava di lanciarlo contro un soldato [israeliano] in piedi sotto l’edificio. Uno dei soldati ha risposto con il fuoco vivo ed è stato sparato un colpo“, ha aggiunto la dichiarazione, senza commentare direttamente la morte dell’adolescente.


Cisgiordania e Gerusalemme Est: i bambini si sentono abbandonati

La continua violenza in Cisgiordania

La violenza mortale contro i palestinesi è comune in Cisgiordania, un territorio palestinese che Israele occupa dal 1967. All’inizio di questo mese, quattro palestinesi sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane nell’irrequieto campo profughi di Jenin. Nel frattempo, l’esercito israeliano ha affermato che una serie di attacchi aerei sulla Striscia di Gaza hanno colpito durante la notte un sito di produzione di armi di Hamas, un tunnel e un sito di lancio di missili sotterraneo. L’esercito ha detto di aver colpito un ulteriore tunnel dopo che i combattenti di Hamas hanno sparato armi d’assalto attraverso il confine.

Il cessate il fuoco acclamato e mai rispettato

La violenza arriva mentre i colloqui per il cessate il fuoco mediati dall’Egitto continuano a deteriorarsi. Ha anche minacciato di mettere in ombra la visita del primo ministro Naftali Bennett negli Stati Uniti martedì, il suo primo viaggio diplomatico all’estero da quando ha parlato in ufficio a maggio. Lunedì, l’Egitto ha annunciato la chiusura del suo valico di frontiera con Gaza, il principale punto di uscita per i viaggiatori di Gaza, citando le difficoltà nei colloqui per il cessate il fuoco.