Social Media – L’intelligenza artificiale potrebbe commettere errori

Alla luce dello svuotamento degli uffici di colossi del web come Google, Facebook e Twitter l'intelligenza artificiale potrebbe moderare i contenuti dei social commettendo errori

0
251
Social Media - Intelligenza Artificiale

Dopo che i social media più importanti come Facebook e Instagram hanno combattuto sciacalli del web e fake news relative al coronavirus, la pandemia ha costretto comunque i colossi del web a ridurre il personale dei loro uffici. Questo di conseguenza li ha obbligati ad affidarsi a processi di automazione e ad una intelligenza artificiale dedicata alla gestione dei contenuti.

Prima Google, poi Facebook e Twitter hanno comunicato come questo virus abbia costretto anche le loro sedi sparse per il mondo, ad una riduzione dei dipendenti. Se non addirittura ad una chiusura temporanea dei loro uffici. Quindi, la gestione di molte dinamiche dei social media, solitamente supervisionate dagli addetti ai lavori, sono state “delegate” completamente o in parte alla IA, all’intelligenza artificiale.

Social Media - Uffici Google
Uno degli uffici di Google chiusi a causa dell virus COVID-19

I contenuti dei Social Media verificati dalla IA…

Questa situazione porterà a delle moderazioni errate o ad approvazioni di contenuti molto più laboriose da parte dei sistemi automatizzati. Gli utenti di Youtube, Facebook e Twitter potrebbero vedere molti dei loro video, recensioni e foto, approvate per la pubblicazione con delle tempistiche lunghe. Inoltre, alcuni utenti potrebbero subire la cancellazione o il blocco dei loro contenuti a causa di errori da parte della IA.

La supervisione umana in questi processi ci sarà, come già anticipato sia da parte di Google che Facebook, ma sarà limitata. Se solitamente i processi di automatizzazione e l’intelligenza artificiale fungono da supporto al controllo umano, come una sorta di scrematura iniziale. In questi giorni, l’IA sostituirà gli operatori, i quali interverranno solo in alcuni casi, non garantendo la stessa sensibilità nella gestione dei contenuti.

I social media ai tempi del coronavirus saranno così sottoposti per la prima volta, ad una controllo quasi del tutto digitale, senza alcuna o quasi supervisione umana, analogica.

Fonte: Google Blog

Commenti