Smog in India: livelli sempre più alti nel Nord del Paese

0
207

Lo smog è davvero uno dei problemi più importanti dell’India che deve essere risolto in tempi brevi. Si stima che il Paese sia una delle nazione maggiormente inquinate del pianeta. Una qualità dell’aria davvero pessima caratterizza, infatti, le sovraffollate metropoli indiane. Il giorno dopo il Diwali Festival, la festa delle luci, l’India settentrionale soffoca per lo smog tossico. La capitale, Nuova Delhi è stata ricoperta da una fitta foschia, con un livello medio di sostanze inquinanti di oltre 9 volte superiore a quello considerato sicuro dall’OMS.

Smog in India: peggioramento a causa del Diwali Festival?

Centinaia di milioni di abitanti dell’India del Nord si sono svegliati oggi immersi in una nube di aria tossica in seguito ai festeggiamenti per il Diwali. Il governo primo ministro della Capitale Arvind Kejriwal, aveva proibito l’utilizzo di petardi e fuochi d’artificio per non compromettere la già pessima qualità dell’aria della città. Nonostante ciò, molti hanno deciso di non rispettare il divieto, inondando Dehli di fumi tossici.

Le reazioni

I residenti e gli ambientalisti, furiosi per la mancanza di rispetto dimostrata da una parte della popolazione, si sono fatti sentire sui social media. “Le nostre divinità devono essere davvero felici oggi. I loro seguaci hanno fatto esplodere petardi soffocando l’intera città”. Queste le dure parole di Vimlendu Jha, il fondatore del gruppo ambientalista Swechha. Alcuni però hanno difeso l’utilizzo dei fuochi d’artificio in quanto parte integrante della celebrazione del Diwali, una festività davvero sentita ma milioni di persone in tutto il Paese. Molti hanno sostenuto che gli hindu debbano essere liberi di festeggiare il Diwali come da tradizione e che non sia giusto obbligarli a non lanciare petardi.

Inquinamento atmosferico peggiora anche a causa della pandemia

L’inquinamento atmosferico di Nuova Delhi tende sempre a peggiorare nei mesi di ottobre e di novembre a causa delle giornate senza vento. Agricoltori che bruciano i rifiuti prodotti nei campi, le industrie e il traffico sono i principali soggetti inquinanti. La pandemia non ha di certo aiutato a risolvere il problema dello smog in India. I medici hanno affermato un forte aumento delle malattie respiratorie. Le città negli stati di Punjab, Uttar Pradesh, Haryana, Bihar e Nuova Delhi, che hanno già sofferto di una delle peggiori condizioni ambientali del mondo, hanno registrato livelli di inquinamento ancora più elevati rispetto all’anno scorso.

Commenti