Sit-com cult: Super Vicky & La tata

1
2515
super vicky

Super Vicky e La tata sono state due sit-com molto popolari nei propri anni di trasmissione, rispettivamente anni ottanta e novanta, lasciando molti buoni ricordi di se, soprattutto la seconda, la quale è ritenuta una serie televisiva cult che ne ha influenzate molte altre venute dopo, imprimendo un segno importante nella storia del piccolo schermo.

SUPER VICKY

Sit-com statunitense creata da Howard Leeds e prodotta tra il 1985 ed il 1989, composta da quattro stagioni e 96 episodi complessivi. La particolarità di questa serie è che venne prodotta con un budget bassissimo, motivo per cui, al primo vero calo di ascolti avvenuto nel 1989, la produzione decise subito di cancellarla. Riguardo la trama, la famiglia Lawson adotta Vicki, un robot con le sembianze di una bambina di circa 10 anni, progettato e costruito dallo stesso capofamiglia Ted Lawson nel tentativo di assistere i bambini portatori di handicap. I Lawson, Ted, Joan ed il figlio undicenne Jamie, accolgono Vicki in casa come se fosse un membro della famiglia, facendole frequentare persino la scuola (agli occhi di tutti Vicky è una bambina reale, la sua vera natura viene tenuta segreta). Nonostante tutti gli sforzi per farla sembrare reale, Vicki è pur sempre un robot (dotato di velocità e forza sovrumane) ed essendo tale non può fare a meno di combinare guai o eseguire erroneamente gli ordini a lei impartiti. Ciò che rende divertente la serie sono proprio i buffi ed equivoci tentativi di Vicky di apprendere al meglio i comportamenti umani, cosa che quasi mai le riesce. Questa simpatica situation comedy si fece molto apprezzare all’epoca, ragione per cui ancora oggi è ricordata piacevolmente; senz’altro punto di forza dello show era la protagonista, a cui non si poteva non appassionarcisi. Nel cast figurano: Tiffany Brissette (Vicky), Dick Christie (Ted Lawson), Marla Pennington (Joanie Lawson) e Jerry Supiran (Jamie Lawson).

LA TATA

Situation comedy americana prodotta tra il 1993 ed il 1999 composta da sei stagioni e 146 episodi totali. Negli Stati Uniti venne trasmessa dalla CBS, mentre in Italia andò in onda prima su Canale 5 e poi su Italia 1. The Nanny (questo il titolo originale) venne ideata, prodotta e scritta dalla stessa attrice protagonista, Fran Drescher, e da Peter Marc Jacobson (all’epoca suo marito), ed è ad oggi ritenuto un gioiello del piccolo schermo, uno di quegli show tanto amati quanto indimenticabili. In seguito al licenziamento dal precedente lavoro, Francesca Cacace, una donna molto avvenente ed esuberante, bussa alla porta della famiglia Sheffield per vendere cosmetici. Il padrone di casa, Maxwell Sheffield, rimasto vedovo, la assume come tata per i suoi tre figli. Da quel momento cambierà tutto per gli Sheffield, in quanto la tata porterà una ventata d’aria fresca in casa rendendo decisamente più movimentata ed interessante la vita di tutti i familiari. Essi non potranno far altro che innamorarsi di Francesca (soprattutto Maxvell), la spumeggiante tata di origine ciociara (nella versione italiana dello show). La serie fu da subito un successone, ancora oggi in Italia viene costantemente replicata e viene in generale ricordata come una delle migliori sit-com di sempre, la quale tra l’altro ha dato la celebrità a Fran Drescher, attrice comunque già conosciuta all’epoca. La serie è stata nominata 11 volte agli Emmy Awards, premio aggiudicatosi tuttavia soltanto in un’occasione (nel 1995 come miglior design dei costumi). La sigla, The Nanny named Fran interpretata da Ann Hampton Callaway, è divenuto un tormentone indimenticabile. Varie sono le differenze tra la versione americana della sit-com e quella italiana: il nome della protagonista (passata da Fran Fine a Francesca Cacace), la sua origine (da ebrea polacca ad italiana; tutti i riferimenti riguardanti l’ebraismo divengono riferimenti riguardanti la Ciociaria), i parenti (Sylvia e Morty Fine sono i genitori di Fran Fine, Assunta Iannantuono e Antonio Cacace gli zii di Francesca), ed i dialoghi (che da noi sono stati interamente ricreati da zero rispetto all’originale per ovviare alle differenze). Il cast: Fran Drescher (la tata Francesca), che con questo ruolo ha svoltato la sua carriera; Charles Shaughnessy (Maxwell Sheffield); Daniel Davies (il simpaticissimo ed ironico maggiordomo Niles); Nicholle Tom (Maggie), Benjamin Salisbury (Brighton); Madeline Zima (Grace); Lauren Lane (C.C. Babcock); Renèe Taylor (Zia Assunta); Ann Morgan Guilbert (Zia Yetta) e Rachel Chagall (Lalla Torriello).