Siria – Turchia bombarda le forze speciali statunitensi

0
299
attacco a esercito usa in siria

Le forze speciali statunitensi sono state “erroneamente” bombardate dalla Turchia nella città siriana settentrionale di Kobani.

Il Pentagono ha confermato che le truppe statunitensi sono finite sotto il fuoco dell’artiglieria dai turchi venerdì, in un’area in cui la Turchia sa che gli americani sono presenti.

Il capitano della Marina Brook DeWalt, un portavoce del Pentagono, ha detto che l’esplosione dell’artiglieria è avvenuta a poche centinaia di metri dall’area in cui si trovavano le truppe statunitensi.

“Venerdì l’artiglieria turca ha colpito un’unità operativa americana vicino a Kobani”, ha confermato DeWalt.

“I proiettili di artiglieria hanno colpito ad alcune centinaia di metri da dove erano localizzate le forze speciali statunitensi. Non ci sono feriti negli Stati Uniti.”

Articoli collegati
Turchia: luce verde per l’operazione “Fonte di Pace”
Di Maio “L’Italia chiede un’azione dell’UE verso la Turchia”
USA: Trump annuncia il ritiro e minaccia la Turchia
Fermate Erdoğan prima che sia troppo tardi

Il bombardamento è avvenuto sulla collina di Mashtenour a Kobani, una città di confine sotto il controllo curdo.

Le forze turche si stanno trasferendo nella regione per reclamarla dall’YPG, un gruppo di combattenti curdi, sostenendo che i combattenti dell’YPG stanno pianificando di lanciare attacchi al confine dalla zona.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, quando gli è stato chiesto del bombardamento, ha dichiarato: “Daremo un’occhiata”.

All’inizio di questa settimana, Trump ha accettato di rimuovere le unità operative speciali statunitensi che sono state nella regione per anni, sostenendo i curdi nella loro lotta contro l’ISIS e l’esercito siriano.

Newsweek ha citato funzionari anonimi del Dipartimento della Difesa che hanno affermato che era improbabile che l’esercito turco possa aver scambiato le truppe statunitensi con i curdi e che sarebbero stati consapevoli delle posizioni degli Stati Uniti.

Un funzionario dell’intelligence curda irachena ha confermato i bombardamenti.

La CNN ha riferito che non vi era alcuna indicazione che il bombardamento fosse intenzionale.

L’esercito turco ha anche rilasciato una dichiarazione insistendo sul fatto che si trattava di un incidente e che stava restituendo il fuoco ai curdi. Hanno affermato che, non appena si sono rese conto che le forze speciali statunitensi erano state potenzialmente colpite, hanno cessato il fuoco.

Tuttavia i giornalisti della regione citano altri funzionari che affermano che è impossibile che sia stato un errore. “Sanno che siamo lì, abbiamo detto loro la nostra posizione. Non ci sono altri bersagli nell’area. Stanno cercando di scacciarci. Se la Turchia ci farà partire, potrà assediare Kobane, sarà tutto finito”.

Il funzionario senza nome ha detto che i bombardamenti erano così pesanti, che le forze statunitensi hanno preso in considerazione l’idea di restituire il fuoco.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here