Siria: bombardamenti e scontri a Daraa nonostante l’accordo

Il bilancio degli scontri è di almeno 23 morti

0
238
Siria: bombardamenti a Daraa

Non regge la tregua raggiunta dopo l’accordo nei giorni scorsi a Daraa tra il governo di Damasco e i gruppi locali. La tregua, entrata in vigore il 26 luglio, è già stata violata il 27 luglio. Oggi, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha rivelato che ci sono stati nuovi scontri e bombardamenti in Siria, che hanno causato almeno 23 vittime.

La tregua nella regione Daraa regge?

L’accordo raggiunto nei giorni scorsi a Daraa tra il governo di Damasco e i gruppi locali affiliati all’Esercito Siriano Libero non ha portato alla tregua sperata. L’accordo era giunto dopo 28 giorni in cui le forze governative hanno assediato l’area di Daraa al-Balad, impedendo l’ingresso di soccorsi e aiuti umanitari. Tale accordo sarebbe dovuto entrare in vigore il 26 luglio. Tuttavia, secondo quanto riferito, la tregua è durata molto poco. Nel pomeriggio del 27 luglio, membri della “Quarta Divisione” hanno condotto raid e operazioni di ricerca nelle aree meridionali e orientali di Daraa al-Balad, derubando le abitazioni civili, mentre i giovani locali hanno risposto sparando in aria, esortando i soldati di Assad a non avvicinarsi più. Inoltre, la popolazione locale ha accusato le forze filogovernative di aver lanciato colpi di mortaio contro il Sud di Daraa al-Balad, causando vittime civili, di cui 2 morti e 3 feriti.


Siria: raggiunto un accordo nella regione Daraa


Siria: nuovi bombardamenti a Daraa

Ora si sono verificati nuovi scontri nella provincia di Daraa. L’Osservatorio siriani per i diritti umani ha riferito che almeno 23 persone sono morte negli scontri, tra cui otto civile, sette miliziani e otto soldati. L’ONG ha sottolineato che il bilancio delle vittime è destinato ad aggravarsi. Ha inoltre affermato che i ribelli avrebbero conquistato diverse postazioni militari e avrebbero fatto prigionieri 40 soldati.