Siria: alto leader dello Stato Islamico catturato in un raid USA

0
302
Siria settentrionale: civili uccisi in un attacco missilistico

In un villaggio a sud del confine tra Siria e Turchia, le forze statunitensi hanno catturato un alto leader dello Stato Islamico. La cattura è avvenuta durante un raid in elicottero. In una dichiarazione dell’operazione si legge che non risultano danni a cose o persone, né alle risorse della coalizione ribelle.

Raid USA in Siria: catturato alto leader dello Stato Islamico?

Nel corso di un raid militare in Siria le forze statunitensi hanno catturato un alto leader dello Stato Islamico. “L’individuo detenuto è stato valutato come un esperto fabbricante di bombe e facilitatore che è diventato uno dei massimi leader del gruppo in Siria”, si legge in una nota dell’operazione Inherent Resolve. Il portavoce dell’esercito siriano Youssef Hamoud ha dichiarato che il raid ha avuto luogo nel villaggio di Al-Humaira, situato a sud del confine tra Turchia e Siria. Si sarebbe trattato della prima operazione con elicotteri americani nelle aree sotto il controllo della coalizione ribelle.

Nessun danno alle risorse della coalizione ribelle

Le forze americane hanno promesso di proseguire con la caccia a ciò che ancora resta dell’ISIS. In una dichiarazione si legge che il raid “è stato meticolosamente pianificato per ridurre al minimo il rischio di danni collaterali”. Si precisa inoltre che “non ci sono stati danni ai civili durante l’operazione né danni agli aerei o alle risorse della coalizione” dei ribelli. Già a febbraio il presidente degli USA Joe Biden aveva annunciato che il Paese aveva condotto un raid in elicottero nel nord-ovest, provocando la morte di Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, leader del gruppo terroristico dello Stato Islamico.


Leggi anche: Erdogan annuncia una nuova operazione militare in Siria