Sintomi di allergie: indossare una mascherina può ridurli?

La ricerca mostra che indossare maschere all'aperto può proteggere da più di Covid-19 per le persone che soffrono di allergie stagionali

0
378

Mentre ci avviciniamo alla nostra seconda primavera pandemica, molti di noi potrebbero avere voglia di rinunciare alle maschere. Ma per gli adulti che soffrono di sintomi di allergie stagionali, c’è un altro motivo per continuare a indossare la maschera.

Sintomi di allergie: a cosa possono servire le mascherine?

Mentre i vestiti e le mascherne mediche fanno un buon lavoro nel proteggerci dalle particelle virali, gli studi dimostrano che possono anche essere efficaci nel filtrare gli allergeni comuni, che in genere fluttuano in dimensioni molto più grandi, rendendoli più facili da bloccare. Il polline del pino, ad esempio, è circa 800 volte più grande del coronavirus, ha affermato il dottor David Lang, allergologo della Cleveland Clinic. Anche prima della pandemia, consigliava ai pazienti con gravi allergie di indossare una maschera all’esterno, soprattutto per attività prolungate come il giardinaggio o il lavoro in giardino. L’uso di maschere per alleviare i sintomi di allergia può richiedere un po’ di “tentativi ed errori“, ha affermato il dottor Purvi Parikh, allergologo e immunologo del N.Y.U. Langone Health. Ma soprattutto, “se c’è meno polline che entra nel naso e nella bocca, è meno probabile che tu abbia un attacco di allergia“, ha detto.

Cosa hanno scoperto i ricercatori israeliani

I ricercatori israeliani hanno recentemente studiato quanta differenza potrebbe fare indossare una maschera per chi soffre di allergie con sintomi lievi, moderati e gravi. Utilizzando i dati raccolti da 215 infermieri che hanno utilizzato maschere chirurgiche o maschere N95 durante un periodo di due settimane, hanno scoperto che tra i 44 infermieri con gravi sintomi di allergia, quasi il 40% ha sperimentato meno starnuti, naso che cola e naso chiuso quando indossavano un intervento chirurgico o maschera N95. Tra le 91 infermiere con sintomi moderati, il 30 per cento è migliorato quando indossavano una mascherina chirurgica; che è salito al 40 percento quando indossavano un N95. Tra gli 80 infermieri che hanno iniziato lo studio con sintomi lievi, 43 infermieri, o circa il 54%, hanno visto migliorare i loro sintomi indossando una maschera chirurgica o N95, ha detto il dottor Amiel Dror, medico-scienziato presso il Galilee Medical Center e Bar-Ilan. Facoltà di Medicina dell’Università Azrieli e autore principale dello studio. L’uso della maschera è stato anche più efficace per gli infermieri con allergie stagionali rispetto a quelli con sintomi durante tutto l’anno. Indossare una maschera non ha risolto il problema del prurito agli occhi, secondo il rapporto di settembre, pubblicato su The Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice.

Quanto serve la mascherina nelle persone che hanno sintomi di allergie?

Sebbene i risultati suggeriscano che indossare una maschera può ridurre i sintomi di allergia per alcune persone, i ricercatori hanno notato che sono necessari ulteriori studi. Potrebbe essere che gli infermieri presentassero meno sintomi perché, quando non lavoravano, stavano a casa ed evitavano la folla durante i blocchi, e quindi avevano meno esposizione agli allergeni nell’ambiente. Ma il fatto che indossare la maschera, che copre il naso e la bocca, fosse associato a miglioramenti dei sintomi nasali, ma non all’irritazione degli occhi, suggerisce che il mascheramento probabilmente ha aiutato a ridurre molti sintomi di allergia. Oltre a filtrare gli allergeni, indossare una maschera rende anche l’aria nelle nostre cavità nasali più calda e umida, ha affermato il dottor Dror. “Sappiamo che l’aria secca e l’aria fredda a volte hanno la capacità di provocare una reazione nel naso“, ha detto. “Questo è un ulteriore vantaggio di indossare una maschera. Nel disagio, puoi trovare qualcosa di buono.” La protezione varia da maschera a maschera, a seconda della vestibilità e, per le maschere di stoffa, della trama del tessuto. E a meno che non indossi una maschera in ogni momento, potresti comunque essere influenzato da allergeni interni come acari della polvere o polline trasportati attraverso le finestre aperte con la brezza primaverile. “Può aiutare, ma non eliminerà necessariamente tutti i sintomi“, ha affermato la dottoressa Sandra Lin, professoressa di Otorinolaringoiatria – Chirurgia della testa e del collo presso la Johns Hopkins School of Medicine. “Praticamente tutti indossano maschere per la maggior parte del tempo ora e le persone continuano a manifestare sintomi di allergia“.


Cosa fai quando ti dicono che hai delle allergie alimentari a 40 anni?


Ecco alcuni suggerimenti per ridurre i sintomi di allergie durante la primavera

  • Proteggi i tuoi occhi. Il dottor Lang consiglia alle persone che soffrono di allergie di indossare occhiali o occhiali da sole quando sono fuori, il che aiuta a bloccare gli allergeni come il polline degli alberi dal contatto diretto con gli occhi.
  • Lava e cambia frequentemente la maschera. “L’ultima cosa che vuoi è che l’allergene rimanga intrappolato”, ha detto il dottor Parikh. Raccomanda ai pazienti di cambiarsi i vestiti quando tornano a casa e fare la doccia prima di andare a dormire, per assicurarsi che il polline non si attacchi alla loro pelle e lavare frequentemente le maschere riutilizzabili. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie consigliano di lavare una maschera di stoffa dopo ogni utilizzo.
  • Trova una maschera che non irriti la tua pelle. Anche la scelta della maschera giusta per un portatore allergico può essere importante. Le persone con pelle sensibile possono reagire ai coloranti in alcune maschere di tessuto e dovrebbero usare detergenti senza profumo. Oppure scegli una maschera chirurgica o medica, che ha meno probabilità di irritare la pelle. “I miei soggetti allergici hanno la pelle molto sensibile perché le stesse creature che li fanno starnutire o tossire possono anche irritare la loro pelle”, ha detto il dottor Parikh.
  • Parla con un medico se i tuoi sintomi di allergia sono gravi. “Se le persone continuano ad avere sintomi che interferiscono con la normale attività – se perdono il lavoro, mancano la scuola, il loro sonno è disturbato di notte – consultare un medico”, ha detto il dott. Lang. “Ci sono altri modi in cui possiamo aiutare. Non dovresti soffrire inutilmente. “